BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

FISCO/ Perchè lo Stato non paga i suoi debiti alle imprese?

Pubblicazione:

Foto Imagoeconomica  Foto Imagoeconomica

Docente di Economia politica nella facoltà di Sociologia dell’Università Cattolica di Milano, Giovanni Marseguerra riassume in questo modo, ironico e più che mai calzante, il rapporto tra lo Stato e i cittadini: “Questo è uno Stato benevolente verso i suoi sudditi”. Se si vanno a guardare le insolvenze dello Stato verso i cittadini, si può comprendere subito che gli italiani sono spesso trattati come sudditi, che le esigenze delle persone, come stabilisce la Costituzione, vengono dopo le esigenze dello Stato. Forse sarebbe un bene rileggersi i dibattiti della Costituente e gli interventi dell’allora giovane giurista Aldo Moro.

È insolvente questo Stato con i cittadini italiani, professor Marseguerra?

Tecnicamente non possiamo definirlo insolvente, perché alla fine paga. Solamente che paga con tempi biblici, sei mesi, un anno. Ci sono una serie di piccole e medie imprese che vendono prodotti e servizi allo Stato. Prima di essere pagate, a volte, fanno a tempo a fallire. Oppure ricorrono alle banche e restano indebitate. Si può parlare di scandalo.

Nel Nord Est, per fatti del genere, ci sono stati dei suicidi.

È vero, ne ho sentito parlare. Persone che avevano piccole aziende, che erano creditori nei confronti dello Stato e sono finite nella disperazione. Ma vorrei aggiungere un’altra considerazione: noi parliamo stando nel Nord di questo Paese, occorre pensare anche che cosa accade al Sud...

A suo parere che incidenza hanno questi tempi così lunghi di pagamento sull’andamento economico, sulla vita delle imprese italiane?

Se si fa un’inchiesta, se si fanno dei sondaggi, se si interpellano degli imprenditori, ci si sente rispondere inequivocabilmente che le difficoltà maggiori vengono dalla pressione fiscale e dal ritardo dei pagamentui dello Stato. Questo è un motivo incessante, costante. Non ci sono altre risposte così impellenti. È vero che siamo in un periodo di crisi economica e finanziaria gravissima, ma quelle due voci che ho citato sono la prima risposta che danno le persone che fanno impresa. Ma io aggiungerei che ci sono insolvenze anche più gravi da parte dello Stato.

Quali ad esempio?



  PAG. SUCC. >