BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

CONSIGLIO DEI MINISTRI/ Ecco i provvedimenti e cosa si è deciso: aumento IVA, tagli alla sanità e all'assistenza

Pubblicazione:mercoledì 10 ottobre 2012 - Ultimo aggiornamento:mercoledì 10 ottobre 2012, 10.35

Infophoto Infophoto

Per le intercettazioni telefoniche viene previsto l’uso di contratti flat. La riscossione delle multe per lo sforamento delle quote latte torna sotto la gestione di Equitalia. Vengono stanziati 40 milioni per la manutenzione della flotta di aerei antincendio e 58 milioni (in tre anni) per la partecipazione dell'Italia alla spesa per la ristrutturazione del Quartiere Generale della Nato. È prevista l’adozione del programma “Cieli bui”, che, attraverso lo spegnimento dell’illuminazione ovvero suo affievolimento, anche automatico, nelle ore notturne, permetterà di realizzare risparmi di spesa. Oltre che dalla spending review e dalla razionalizzazione di spese ed entrate, questi interventi verranno finanziati attraverso i proventi derivanti dalla Tobin Tax europea, ancora non entrata in vigore. Altro punto importante è la Riforma del Titolo V della Costituzione: il Consiglio dei ministri ha approvato un disegno di legge costituzionale, con l’obiettivo di apportare modifiche della regolamentazione dei rapporti fra lo Stato e le regioni. Passano quindi nel campo della legislazione esclusiva dello Stato alcune materie che erano precedentemente considerazione della legislazione concorrente: il coordinamento della finanza pubblica e del sistema tributario, le grandi reti di trasporto e di navigazione, la disciplina dell’istruzione, il commercio con l’estero, la produzione, il trasporto e la distribuzione nazionale dell'energia. Rientrano nella competenza statale anche materie sinora non specificamente individuate nella Costituzione e che sono state oggetto, in questi anni, di contenzioso costituzionale: la disciplina giuridica del lavoro alle dipendenze delle amministrazioni pubbliche e la disciplina generale degli enti locali. La materia del turismo è stata altresì trasferita dalla competenza esclusiva delle regioni alla competenza concorrente dello Stato. Si dispongono, poi, confini meno rigidi fra potestà regolamentare del Governo e potestà regolamentare delle regioni, prevedendo in modo semplice che lo Stato e le regioni possono emanare regolamenti per l’attuazione delle proprie leggi. Infine c'è un intervento anche sui pagamenti della Pubblica amministrazione, che dovranno avvenire entro 30 giorni. Sono previste però delle deroghe a 60 giorni per Asl e imprese pubbliche, a patto che ci siano condizioni oggettivamene giustificate dalla natura particolare del contratto.



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.