BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

NOBEL ECONOMIA 2012/ Shapley e Roth, studiare la vita di coppia per capire i mercati

Le innovative applicazioni della teoria dei giochi sono state estese da Roth e Shapley fino a fondersi con ingegneria e neuroeconomia. GIUSEPPE PENNISI ci racconta chi sono i due premi Nobel

(Infophoto) (Infophoto)

Il premio Nobel per l’economia alla fine è andato ad Alvin Roth e LLoyd Shapley. Roth, classe 1951, economista, insegna all'Università di Harvard. Shapley, classe 1923, è invece un matematico ed economista, professore emerito all'Università di Los Angeles. Entrambi son noti per aver studiato a fondo nel corso delle rispettive carriere la teoria dei giochi e le sue possibili applicazioni in campo economico sperimentale. Hanno elaborato diversi modelli economici sull’incontro tra domanda e offerta, applicati a casi come la ricerca delle facoltà da parte degli studenti o la disponibilità di organi da trapianto per i pazienti che li cercano. Per scoprire qualcosa di più su Roth e Shapley abbiamo intervistato Giuseppe Pennisi, docente di economia internazionale all'Università Europea di Roma, che conosce i lavori e gli studi dei due professori americani.

Il Nobel è stato assegnato a Roth e Shapley "per la teoria delle allocazioni stabili e la pratica del design dei mercati". Con cosa ha a che fare questa teoria?

Per fare un esempio che può interessare ai nostri lettori, uno degli articoli fondamentali di Shapley, che è riconosciuto come uno degli esponenti di punta della teoria dei giochi, riguarda la nozione di “coppia”, tema che poi è stato sviluppato anche da Roth.

La nozione di “coppia”… che sarebbe?

I due hanno studiato quali sono le condizioni matematiche per cui una coppia resta fedele nell’ambito di un legame stabile come può essere il matrimonio. Ma la teoria di Roth e Shapley ha altre immense applicazioni pratiche.

Ci parli ancora della loro teoria.

È uno sviluppo della teoria dei giochi ma legata all’ingegneria - entrambi hanno infatti un background ingegneristico - e con un filone nuovo delle scienze economiche che si chiama neuroeconomia e che studia come la psicologia reagisce ai segnali economici e come anche li crea.

Qual è il merito dei loro lavori?

Non sono lavori recentissimi, ma hanno il merito di avere aperto un campo, in inglese si dice “they broke a new ground”, di avere aperto una strada nuova, insomma.

Torniamo al discorso delle coppie. In pratica i due hanno osservato l’esistenza di correlazioni tra alcuni particolari fattori e la stabilità/durata di un matrimonio, giusto?