BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Economia e Finanza

FINANZA/ Le tre zavorre che mandano a fondo l’Italia

InfophotoInfophoto

Occorre, a mio avviso, studiare con attenzione il programma elaborato in Germania e attuato dagli anni Ottanta per aumentare le dimensioni delle loro “piccole imprese” (che corrispondono a grandi imprese italiane) e farle diventare i giganti oggi alla conquista del mercato mondiale. Ciò comporta nuove regole di governance imprenditoriale, di selezione del management, di formazione e governo delle risorse umane, nonché incentivi a fusioni e concentrazioni.

Il nodo centrale resta come avviare, portare avanti e realizzare questo cambiamento di un percorso che, alla Douglas C. North, sembra “predefinito”. Il requisito di base è inevitabilmente politico: i cittadini devono ritrovare fiducia nel ceto politico - ciò comporta riduzione del numero dei parlamentari, fine del bicameralismo perfetto, adeguamento di indennità almeno a quelle del Parlamento europeo, un sistema elettorale che consenta contatti tra elettori ed eletti e monitoraggio dei primi nei confronti dei secondi, eliminazione di alcuni livelli intermedi di governo, e via discorrendo.

© Riproduzione Riservata.

COMMENTI
17/10/2012 - Tenetevi la fiducia ma dateci la competitività (Moeller Martin)

Ha centrato molto bene i problemi delle classi politiche italiane e della loro convinzione che tutti gli organismi finanziari a partire dalla famigerata Troika siano solo dei deficenti. Ma quando passa alle misure da prendere a favore delle imprese in Italia scivola Lei stesso nei medesimi luoghi comuni, pur mostrando di conoscere bene i punti di forza dei nostri concorrenti e i problemi della nostra PMI fatta di micro imprese, buona parte delle quali sono oltretutto solo terzisti e quindi senza un proprio prodotto. Le imprese non sono associabili perchè l'imprenditore è un individualista per definizione e non è interessato a condividere il proprio 'regno'. Ma si può favorirne la crescita, per esempio tassando solo gli utili distribuiti in modo da poter creare riserve finanziarie proprie per superare imprevisti, periodi di flessione o per investimenti futuri. Se poi si sistemasse anche il mercato del lavoro, anche l'Italia potrebbe ripartire.