BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

FINANZA/ Così le banche si fanno battere dai supermercati

Pubblicazione:martedì 23 ottobre 2012

Infophoto Infophoto

Ieri mattina sono andato al supermarket a fare la spesa. Ho preso latte, pasta, schiuma da barba, verdura e poi, già che ero lì, ho rinegoziato il mutuo a tasso fisso del 2%. No, non sono impazzito, semplicemente avrei potuto fare tutto questo se vivessi ancora a Londra. Tesco Bank, il ramo finanziario dell’omonima catena di grande distribuzione, ha infatti abbattuto i tassi e lanciato un mutuo a due anni a tasso fisso dell’1,99%, giù dalla precedente proposta del 2,64%. Unica condizione - e non è cosa da poco, visto che rende il tutto molto conveniente solo per chi rinegozia - un deposito pari al 40% della somma per poter beneficiare della proposta. Non è tutto. Sempre Tesco ha abbassato il tasso su un altro contratto, anche in questo caso biennale con tasso sceso al 2,39% dal 2,79% precedente, per clienti in grado di garantire un deposito pari al 30% della cifra.

Come sia possibile è presto detto: la grande catena ha messo in atto il piano della Bank of England per garantire alle banche finanziamento a basso costo a patto che quei soldi vengano utilizzati per aiutare imprese e famiglie. Entrambe le soluzioni sono disponibili sia per chi deve rinegoziare, sia per chi sta comprando una nuova casa: stando alle comparazioni del sito Moneyfacts, diretto da Rachel Springfall, era da più di un anno che non si vedevano tassi così bassi per un mutuo: «Rompere la barriera del 2% è un grande fatto, siamo di fronte a qualcosa destinato a diventare market leader». Inoltre, a ogni scadenza di rata mensile che verrà pagata, i clienti possessori di Clubcard - la carta punti di Tesco - accumuleranno credito che potranno usare come vouchers per la spesa in tutti i punti vendita.

Tesco ha lanciato il suo programma di mutui lo scorso agosto, offrendo loans-to-value fino all’80% del valore dell’immobile, oltre ad altri servizi bancari e assicurativi, in attesa di poter aprire veri e propri conti correnti - Isa, Individual Savings Account - prima dell’inizio del prossimo anno fiscale. Sembra la Luna, ma parliamo di un qualcosa disponibile e reale a un’ora e mezza di volo da Milano e il tutto grazie alla seconda operazione di stimolo da 80 miliardi di sterline lanciata lo scorso agosto da Bank of England e Treasury.


  PAG. SUCC. >