BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

EFFETTO OLIMPIADI/ Il Regno Unito esce dalla recessione: crescita dell'1% nell'ultimo trimestre

I dati dell'ultimo trimestre nel Regno Unito segnalano una cescita inaspettata dell'1% del prodotto interno, facendo così uscire il paese dalla recessione per la prima volta dopo cinque anni

Foto Infophoto Foto Infophoto

Le Olimpiadi fanno bene, contrariamente a quanto pensavano gli esperti italiani che rifiutarono di candidarsi ai prossimi giochi perché  troppo impegnativi dal punto di vista economico. Il Regno Unito annuncia invece che proprio grazie all'effetto Olimpiadi può ritenersi uscita dalla recessione che invece attanaglia il resto dell'Europa. Il terzo trimestre del 2012 ha infatti fatto registrare il miglior tasso di crescita degli ultimi cinque anni, una crescita pari all'1% dopo la contrazione dello 0,4% del secondo trimestre. Il tasso dichiarato nel terzo trimestre supera la stima media degli esperti di economia dello 0,6%. Naturalmente gli esponenti del governo inglese sottolineano la bontà generale della politica economica inglese e non solo l'effetto Olimpiadi. Sta di fatto che l'economia inglese è tonnata a crescere. Tra l'altro avrebbe contribuito all'effetto crescita non solo l'Olimpiade ma anche il ritorno economico del Bank Holiday allungato per il giubileo della Regina Elisabetta. La vendita di biglietti per le Olimpiadi comunque avrebbe contribuito di uno 0,2% nella crescita e al momento non è ancora possibile quantificare quanto i giochi abbiano contribuiti per altri effetti come l'aumento di occupazione e la crescita delle industrie collegate ai giochi a vario titolo. Si fanno anche previsioni di una ulteriore crescita dello 0,5% nell'ultimo trimestre del 2012. Gli economisti della City ammettono che la crescita dell'1% è stata maggiore di quanto avevano previsto, ma allo stesso tempo avvertono che difficilmente potrà ripetersi nei prossimi mesi un risultato analogo. Anzi, dicono che tale risultato positivo porterà a credere di essere usciti definitivamente dalla recessione mentre invece molti fattori fanno credere il contrario. Se la crescita di questo ultimo trimestre è incoraggiante, aggiungo altri esperti, non c'è alcun segno concreto che il paese sia uscito dalla recessione e nuovi crolli sono possibili nei prossimi mesi. Austerità fiscale, difficili condizioni di credito, un mutamento dell'attività economica globale e seri problemi ancora presenti nell'Eurozona dimostrano questa realtà oscura che è ancora davanti al Regno Unito.