BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

GIGANOMICS/ Monti e Draghi: i perché del duello sul supercommissario

Pubblicazione:mercoledì 31 ottobre 2012

Vignetta di Claudio Cadei Vignetta di Claudio Cadei

Francia-Google. Da seguire con la massima intenzione il braccio di ferro che contrappone il governo francese a Google. Il ministero delle Finanze pretende dal colosso di Mountain View un miliardo di euro perché – sostiene – non ha mai pagato tasse su tutte le transazioni di denaro trasferito dal motore di ricerca in Olanda, poi nel paradiso fiscale delle Bermuda e infine in Irlanda. Esattamente quello che fanno quasi tutte le multinazionali in qualsiasi Paese, Italia compresa. Se Parigi riuscirà a spuntarla, costituirà un interessante precedente: Befera di tutto il mondo, unitevi.

Grillini. La consigliera emiliana eletta dai grillini, Federica Salsi, ha partecipato ieri al Ballarò. Quando il conduttore, Giovanni Floris, ha introdotto il tema dei costi eccessivi della politica e dei compensi da nababbo dei vari Consiglieri, ha preso la parola: “Noi grillini eletti nel Consiglio emiliano - ha detto - tratteniamo per noi solo 2.700 euro al mese, tutto il resto lo giriamo su un conto a disposizione del movimento per la sua attività”. Ma allora siamo alle solite: gli stipendi (pagati con soldi pubblici) restano comunque nelle disponibilità dei politici, sia pure in un conto corrente comune, che li usano per fare quello che credono. Non è questo che gli italiani disgustati dai politici si aspettano: da quei soldi, se vogliono davvero sembrare virtuosi, il partito dei grillini e il loro leader, devono separarsi completamente. Magari versandoli alla Caritas, a Emergency, eccetera. Ma non tenerli – come dice la Salsi - “per le nostre attività sul territorio”.  Sono parole che abbiamo già sentito dai Trota e dai Fiorito.

Nuova Fonsai. Sarà Fabio Cerchiai il nuovo presidente di Fonsai passata sotto il controllo dell'Unipol. A lui toccherà anche continuare l'azione di responsabilità contro la famiglia Ligresti, accusata di aver usato la compagnia come un bancomat personale per tutto il tempo in cui ne è stata azionista di controllo. Sarà un ruolo delicato per lui che con l'Ingegnere siciliano e i suoi figli ha sempre avuto ottimi e collaborativi rapporti.



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.