BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Economia e Finanza

FINANZA/ Così il fondo Esm può "uccidere" la speculazione

InfophotoInfophoto

Auspichiamo sinceramente uno scatto d’intelligenza. Paesi come la Spagna e l’Italia hanno mostrato tutta la buona volontà possibile rispetto alle manovre di rigore dei bilanci. Ma esagerando con il rigore l’economia non ripartirà; il terrificante esempio greco sta lì a dimostrarlo. Si tratta di una spirale da evitare a tutti i costi. Sarebbe controproducente obbligare chi richiede l’accesso al Fondo a inasprire le proprie politiche di rigore. Si brucerebbero risorse senza ottenere alcun risultato.

Quindi?

E’ necessario porre come condizione l’implementazione di tutte le misure necessarie per rilanciare l’economia del Paese. Trovo, contestualmente, ragionevole la regola del Fondo che impone una verifica ex post della persistenza del Paese interessato sul sentiero delle riforme. Ha senso ipotizzare che il Paese che non rispetti le procedure richieste non acceda più ai fondi. Non si tratterebbe di un inasprimento delle condizioni, ma della volontà di far sì che vengano rispettate.

Noi dovremmo fare richiesta di aiuti anzitempo, dettandoci da soli le condizioni per ottenerli?

Attualmente, l'Italia si trova al guado tra la situazione spagnola e quella dei paesi virtuosi. Difficile, quindi, a oggi, affermare se sia il caso di ricorrere agli aiuti. Conoscendo lo spirito di questo governo, sono in ogni caso convinto che Monti farà di tutto per dimostrare che l’Italia ce la farà da sola.

 

(Paolo Nessi)

© Riproduzione Riservata.

COMMENTI
09/10/2012 - Falso (Moeller Martin)

Troppi errori e falsità: - L'ESM sostituisce gli attuali fondi salva-stati con una nuova collocazione e guida sotto la BCE e senza il FMI, ma non potrà essere realmente operativo prima dell'approvazione del fiscal-compact ad inizio 2013. Se verrà impiegato fuori da uno schema tipo salva-stato, lo sarà forse per interventi sulle banche in base ai controlli BCE ancora in discussione, ma senz'altro non per favorire lo spread di singoli paesi fine a se stesso. - Da Draghi a tutti gli altri interessati hanno sempre chiarito che la BCE non acquisterà titoli in base allo spread. Quindi non interverranno se il tasso è alto per le reali quotazioni di mercato ma solo per fermare speculazioni mirate da parte del Soros di turno. E qui basta il proclama perchè questi dallo scontro con la BCE ne uscirebbero con le ossa rotte. - l'ESM non avrà MAI la licenza bancaria perchè sarebbe una forma mascherata di euro-bond, creando debito a carico di tutti i paesi per coprire il disavanzo di singoli. - La Spagna ha già raggiunto l'accordo con il fondo salva-stati. Deve solo attendere il 2013 e intanto intervenire sulla mancanza di responsabilità nel controllo dei conti nell'ambito delle sue regioni autonome. - Nessun intervento della Troika è mai stato vessatorio. Paesi che chiodono lo scudo del fondo sono in stato fallimentare per effetto delle loro politiche e non ne escono senza le dovute riforme strutturali.