BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

FINANZA/ Pelanda: una "scommessa" da 100 miliardi per tagliare le tasse

Pubblicazione:lunedì 8 ottobre 2012

Mario Monti, Corrado Passera e Vittorio Grilli (Infophoto) Mario Monti, Corrado Passera e Vittorio Grilli (Infophoto)

Il governo sta mostrando di voler perseguire l’obiettivo del pareggio di bilancio - che l’Italia si è impegnata con trattato europeo a raggiungere entro il 2013 per rinforzare la credibilità del suo debito non aumentandolo - con tagli di spesa e non con più tasse. Il rigore si può attuare in due modi: riduzione delle uscite o aumento delle entrate.

La pressione fiscale ormai ha raggiunto livelli che deprimono con evidenza riconosciuta da tutti - economisti, associazioni, sindacati di lavoratori e imprenditori, Corte dei conti (qualche giorno fa) e governo stesso - la crescita e peggiorano la recessione. Tale situazione ha generato la svolta: d’ora in poi il rigore andrà perseguito con tagli di spesa, perché in caso contrario l’economia resterebbe recessiva. Senza crescita che produce gettito per le casse statali salterebbe anche l’equilibrio di bilancio.

Finora, da decenni, le manovre di riequilibrio dei conti pubblici per restare dentro i parametri di equilibrio si sono sempre basate su una formula mista di tagli, spesso finti perché riducevano un rialzo di spesa e non quella strutturale, e su un aumento, questo vero, delle tasse indirette e dirette. In realtà, nella “legge di stabilità” che il governo presenterà questa settimana al Parlamento, su circa 10 miliardi previsti per l’obiettivo del pareggio di bilancio, tale formula è ancora residualmente presente, perché 8,5 dovrebbero venire da tagli e 1,5 da riduzioni delle detrazioni fiscali, cioè un aumento nascosto delle tasse. Ma c’è una discussione in corso per recuperare anche questo miliardo e mezzo aumentando i tagli.

Qualora l’opinione espressa sui giornali fosse influente, raccomando al governo di insistere per inaugurare una formula di equilibrio di bilancio che lo persegua totalmente via riduzioni della spesa. Non per estetica liberista o antistatalismo ideologico, ma per razionalità, pensando ai seguenti benefici, oltre all'impossibilità di aumentare le tasse: (a) gli attori di mercato che valutano se comprare o meno di titoli di debito italiano saranno certamente colpiti favorevolmente dall’avvio di una politica di riduzione strutturale della spesa pubblica che promette per il futuro sia un equilibrio dei conti, sia la possibilità di ridurre le tasse; (b) ciò potrebbe evitare all’Italia di dover ricorrere, a novembre, all’umiliante, e pericolosa, richiesta di aiuto alla Bce e Fondo salva-stati per garantire il suo debito, cosa che tra l’altro implicherebbe tagli più grandi e rapidi alla spesa di quelli ora previsti dal governo.


  PAG. SUCC. >

COMMENTI
09/10/2012 - Un'idea malsana dell'economia di un paese (Moeller Martin)

Ma secondo voi, l'italia si regge sullo spread e sui 'favori' dei mercati finanziari? L'Italia, come ogni altro paese europeo, si regge sul proprio lavoro, sulle prorie imprese e sulla capacità che queste hanno di creare reddito e benessere. I 'mercati' non ci approvano? E chi se ne frega! Quando il 'mercato' non è disposto ad acquistare i bund tedeschi a costo zero, loro li ritirano. Gli unici mercati di cui dobbiamo preoccuparci sono quelli dei mobili, delle scarpe, della meccanica e di ogni altro nostro prodotto che dobbiamo esportare e vendere. I nostri veri problemi sono la disoccupazione, le aziende che chiudono ed il pil che crolla. Il nostro problema è la nostra cronica mancanza di competitività che ci ha fatto perdere 20 punti di reddito in 10 anni. Il nostro problema è la Fornero, che pretende da una azienda in crisi di farsi carico del welfare che lo stato non è in grado di fornire. E questo nonnostante il livello di tassazione astronomico.

 
08/10/2012 - Spazio per tagli c'è n'è, eccome! (Corrado Rizzi)

Lo spazio per il tagli del 50% secco della spesa dello stato senza toccare il welfare c'è. Provate a fare un giro nelle p.a. Il prof. Pelanda è in grado di quantificare questo dato: vendere le scuole, gli uffici comunali, eliminare tutte le provincie, il 75% della macchina statale. Tutto ai privati= più occupazione qualificata.