BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

FINANZA/ Ecco la "bolla flash" che terrorizza i mercati

Pubblicazione:martedì 13 novembre 2012 - Ultimo aggiornamento:martedì 13 novembre 2012, 12.21

Infophoto Infophoto

La bassa volatilità, poi, gioca anch’essa la sua parte e da più parti si comincia a pensare che qualcuno di molto potente - leggi una banca centrale - stia muovendo il mercato delle calls sull’indice Vix di volatiltà - vendendone come se non ci fosse un domani - per generare risultati riflessivi rispetto al fatto che tutto è a posto nell’economia, tutto è fissato. Il problema è che così non è, il mercato è mosso solo da macchine e arriverà il giorno in cui un flash crash non controllabile darà vita a una vera scoperta dei prezzi su cui si sta operando, facendo esplodere la bolla generata in questi mesi.

A quel punto, potrà tornare il trading reale. Ma quanto sarà rimasto del mercato?



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.  

COMMENTI
13/11/2012 - anzichè la Tobin Tax . . . (Fabrizio Terruzzi)

che ce ne facciamo dei capitali mordi e fuggi, della speculazione fine a se stessa che sciaborda fra i mercati? Dove è finita la funzione della borsa di canalizzare il risparmio verso gli investimenti? Per moralizzare i mercati anzichè la Tobin Tax mi pare che sarebbe stato meglio tassare i profitti speculativi in relazione al tempo in cui sono realizzati: anche al 90% quelli realizzati nel giro di 10 secondi, allo 0% quelli realizzati in 'x' mesi o dopo almeno un anno o in seguito ad un aumento di capitale. La perdita di liquidità potrà essere compensata dai risparmiatori che oggi se ne guardano bene di investire in borsa perchè spaventati da questo "brutto" ambiente senza utilità sociale e fatto di scorribande finanziarie. Tanto varrebbe andare al Casinò di Montecarlo. No grazie.