BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Economia e Finanza

FINANZA/ 2. Le "fregature" di Obama all'Italia

La rielezione di Obama è stata salutata con entusiasmo in tutta Europa e anche in Italia. Eppure il Presidente americano, spiega GIUSEPPE PENNISI, non farà molto per noi

Barack Obama (Infophoto)Barack Obama (Infophoto)

Non so quanti lettori di questa testata abbiamo letto l’acido corsivo apparso il 9 novembre su The Economist. Narrava la notte spesa dai diplomatici dei 27 dell’Unione europea (spesso tre per Paese - uno accreditato presso il Regno del Belgio, uno accreditato presso l’Ue e uno presso la Nato), nella Grand Place di Bruxelles, in trepida attesa dei risultati elettorali delle presidenziali americane e il grido esultanza, accompagnato da litri di champagne, alla notizia della vittoria di Barack Obama. Non sta certo a me ripetere quanto scritto dal settimanale britannico con pungente ironia riguardo le speranze (o piuttosto illusioni) nutrite dagli ambasciatori dei 27 rispetto al contributo che la seconda Amministrazione Obama potrebbe dare a risolvere i nodi e i problemi europei. Tanto più che mi sono già espresso, su questa testata, il 3 novembre scorso.

Soffermiamoci, invece, sulla politica estera. In primo luogo, non è insolito vedere i valvassori esprimere gioia e promettere gratitudine al vassallo: lo si faceva già nell’alto medioevo e nel Brabante (dove è localizzata Bruxelles) sono stati bravissimi a farlo sino a quando nel 1830 sono diventati uno Stato-cuscinetto costruito sulla carta geografica, è stato dato loro come Re un cadetto di una casa germanica e si sono illusi di essere indipendenti. È curioso, però, che i valvassori esprimano gioia se il vassallo ha chiaramente mostrato di infischiarsi di loro.

Durante la campagna elettorale, Obama non ha mai trattato di temi Usa-Ue, non hai mai delineato una politica americana nei confronti dell’Ue e ha essenzialmente considerato l’Ue, e meglio ancora l’Eurozona, come un peso per l’economia mondiale a ragione dei pasticciacci brutti in cui, proprio con le loro mani, gli europei si sono ficcati. Di norma, poi, i valvassori pagano le tasse senza troppo mugugnare perché sanno che il vassallo li difende. Obama, invece, ha detto a chiare note che gli europei dovranno aumentare i loro contributi alla difesa comune. D’altronde, gli Stati Uniti hanno uno stock di debito in rapporto al Pil analogo a quello dell’Italia, una spesa pubblica (e un disavanzo annuale dei conti pubblici) in rapida ascesa (tanto che uno dei primi passi dell’inquilino della Casa Bianca è stato un “faccia a faccia” a porte chiuse con il Presidente della Camera, John Boehner, per tentare un accordo sui conti pubblici), i conti con l’estero in profondo rosso.

È arduo pensare che nei prossimi anni Obama riuscirà a varare i programmi di politica sociale che ha in mente e giungere a un migliore equilibrio dei conti. Gli europei dovranno quindi concludere che: a) spetterà a loro mettere le mani in tasca per pagare una quota crescente della spesa comune di difesa: b) non potranno contare sugli yankee per mettere ordine in aree vicine in difficoltà. Eloquentemente, e senza dare alcun preavviso, Obama ha ritirato i missili Usa ai confini della Polonia che avrebbero dovuto difendere l’Europa contro i missili iraniani (ben appostati a mandare ordigni anche su Berlino). Quindi, se scoppiano disordini nella ex-Jugoslavia o nel bacino del Mediterraneo, il messaggio è lo stesso di un vecchio film di Mauro Bolognini con Totò come protagonista: Arrangiatevi!