BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Economia e Finanza

FINANZA/ Romney, un attacco all’Italia che fa il gioco della Cina

Mitt Romney (Infophoto)Mitt Romney (Infophoto)

Ma Romney il giorno prima ha sbagliato toni e contenuti quando ha accusato “the Italians” che oggi possiedono Chrysler di voler spostare la produzione della Jeep in Cina. Affermazione sbagliata in primis perché Chrysler, i cui impianti americani sono saturi, sta semplicemente riflettendo su come soddisfare la richiesta di altre 500 mila Jeep che potrebbero essere vendute in Cina. Tra le opzioni più convenienti, anche nei tempi di esecuzione, figura un accordo con una fabbrica cinese già alleata con Fiat e Chrysler. Secondo, perché non è accettabile il tono dispregiativo insito in quel “the Italians”: senza di loro e dando retta alle strategie di Romney, oggi Chrysler non esisterebbe nemmeno più.

Terzo, i ghost writers del candidato repubblicano non sono sfuggiti alla tentazione di dare in un malizioso cocktail degli spendaccioni agli italiani e dei malandrini ai cinesi, ossia al diavolo cui addebitare nell’inconscio collettivo i guai della globalizzazione e del relativo declino Usa. Pechino risulterebbe il diavolo che ha succhiato dollari e sangue all’America, costruendo una formidabile macchina economica e finanziaria che sfrutta a dovere l’arma di una moneta artificialmente debole per mettere in ginocchio il made in America.

Non è il caso di entrare nel merito di queste accuse da comizio. Semmai, più che altro per divertimento, si può tentare un paragone tra l’America di Romney e la vigilia del Congresso del Partito comunista cinese, chiamato a designare la squadra che guiderà il Pese nei prossimi dieci anni. Il candidato Usa, si sa, è stato attaccato in quanto miliardario, paladino di quell’1% di ricchi che si è arricchito sulle spalle del Paese precipitato nella crisi. I Romney, del resto, poveri certo non sono. Hanno in tutto, secondo le stime più alte, 350 milioni di dollari (250 nei blind trust dei genitori e 100 nei trust dei figli). Ma, come nota Alessandro Fugnoli, “George Washington era però più ricco (550 milioni in dollari di oggi) e di somme ben maggiori dispose Kennedy”.

Nessuno, ai tempi della Guerra di indipendenza o della Nuova frontiera kennediana, venne accusato dai concorrenti per essere ricco. Non capitò nemmeno a Franklin Delano Roosevelt. L’America ruggente ha sempre considerato la ricchezza una benedizione del cielo. Oggi, al contrario, tende ad assomigliare all’Europa: segno di debolezza nei propri mezzi?


COMMENTI
02/11/2012 - FINANZA/ Romney, un attacco all’Italia (alberto servi)

IO CREDO CHE GLI AMERICANI NON SONO FESSI COME GLI ITALIANI. IL RICHIAMO DI ROMNEY AI CONNAZIONALI E' PIU' CHE GIUSTIFICATO. IN ITALIA IL DEBITO STRATOSFERICO, IL 126% DEL PIL E' IL CLASSICO ESEMPIO NEGATIVO E C'E' PURE TRA NOI CHI SI OFFENDE ! I SOLDI RUBATI DAI TANTI TRA I DISONESTI CHE SI FANNO CHIAMARE ONOREVOLI ELETTI O NOMINATI. NON ABBIAMO SAPUTO SCEGLIERLI. NON SAPPIAMO NEANCHE COME FARGLIELA PAGARE. IN AMERICA OLTRE ALLA PENA DI MORTE CI SON LE SENTENZE DI 150 ANNI DI GALERA, ALTRO CHE IL NOSTRO ERGASTOLO CHE DURA AL MASSIMO TRENT'ANNI. IN ASIA E IN AMERICA LATINA CE' LA PUNIZIONE CORPORALE IN ALTERNATIVA ALLA GALERA. FRUSTATE SUL CULO. SI RISPARMIA SUL CASELLARIO GIUDUIZIARIO. FATEVI UN GIRO A SINGAPORE. NOI INVECE SIAMO PRONTI A DIMENTICARE E A PROTESTARE DISERTANDO LE URNE. E' SOLO COLPA NOSTRA SE NON CI SAPPIAMO ORGANIZZARE RECLAMANDO UNA SELEZIONE. PER FARE IL MEMBRO DEL PARLAMENTO BISOGNA PRETENDERE DA CHI CI CHIEDE IL VOTO, CREDITO PREGRESSO, REFERENZE, MERITO, COMPETENZE E TRASCORSI. UNA PATENTE CON VOTO, COSI' COME SI FA NELLA MAGGIOR PARTE DELLE PROFESSIONI.

 
02/11/2012 - Gli USA , Romney , e noi . (Vito Patella)

A sud di Manhattan, ci sono ancora più di 4 milioni (4.000.000) di persone senza luce elettrica, a causa dell'uragano "Sandy". Questà é una realtà da 5° mondo , non da prima potenza mondiale. Cominciamo a ribellarci a questi mattacchioni (compreso il mormone) che vogliono dare lezioni a noi Italiani, mentre farebbero bene a preoccuparsi delle infrastrutture degli USA, infratrutture carenti/fatiscenti/inesistenti. Per quanto ci riguarda, smettiamola di insultare i Greci, gli Spagnoli, i Portoghesi, che stanno "inguaiati" per colpa dell'euro, una moneta artificiale che serve alla Germania a conquistare l'Europa, senza neanche scomodare la Wehrmacht.