BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Economia e Finanza

DALLA SPAGNA/ La vera minaccia per l’Europa è la Francia

Da tempo si parla della richiesta di aiuti all’Europa da parte di Madrid. Ma JAVIER MORILLAS GOMEZ spiega che più che della Spagna c’è da preoccuparsi della Francia

Angela Merkel con François Hollande (InfoPhoto)Angela Merkel con François Hollande (InfoPhoto)

L’Eurogruppo di ieri si è occupato della Grecia, ma ancora non c'è stato lo sblocco di una nuova tranche di aiuti. Un altro fronte caldo europeo è però rappresentato dalla Spagna. Da tempo si parla di una trattativa in corso tra il Governo di Madrid e le istituzioni europee per una richiesta formale di aiuti attraverso il nuovo programma Omt della Bce. Mariano Rajoy, Premier spagnolo, non ha ancora fatto però la mossa fatidica. E, secondo alcuni rumors, starebbe aspettando l’esito delle elezioni di domenica prossima in Catalogna - regione che, nonostante sia la più industrializzata del Paese, presenta conti in rosso e nella quale sono tornate ad affacciarsi richieste di secessione - prima di farla. Per il momento la situazione sembra tranquilla: ieri il Tesoro di Madrid ha piazzato quasi 5 miliardi di euro di titoli a breve scadenza, con rendimenti stabili rispetto al mese scorso. Per capire meglio la situazione, ilsussidiario.net ha intervistato Javier Morillas Gomez, Professore di Economia applicata all’Università San Paolo-Ceu di Madrid.

Professore, è da tempo che Rajoy sembra sempre a un passo dal chiedere gli aiuti all’Europa, ma ancora non l’ha fatto. Perché?

Rajoy pensa che l’economia spagnola sia solida, a prescindere dalle pressioni cui è soggetta e dai fari accesi su di essa. In effetti, le riforme fatte sono le più profonde che un’economia sviluppata abbia mai introdotto negli ultimi 30 anni e hanno riguardato: il lavoro, le banche, il settore amministrativo, il deficit pubblico, ecc. I frutti di tutto questo si vedranno.

Si dice che Rajoy ora stia aspettando il risultato delle elezioni in Catalogna, prima di presentare la richiesta di aiuti. È così?

Le elezioni catalane non hanno al momento alcun effetto su questa decisione. La Spagna ha emesso ormai la maggior parte di titoli del debito pubblico per il 2012, indipendentemente da queste elezioni. Ritengo che non ci saranno notizie straordinarie dopo di esse.

Secondo alcuni rumors, il Governo spagnolo starebbe cercando un’alternativa all’Europa, chiedendo aiuto al Fmi. Cosa ne pensa?

Il Fondo monetario internazionale fa parte della cosiddetta troika: ogni indicazione o consiglio è benvenuto, ma non abbiamo bisogno del suo aiuto. Credo che sarebbe meglio smettere di parlare della Spagna. Io mi preoccuperei di più della Francia. Questo sì che sarà un problema per l’Eurozona.

Ritiene che la Francia (che pure ha subito il downgrade di Moody’s) sia un problema per l’Europa, ma la Spagna no?