BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

LEGGE DI STABILITA’/ Forte: l’ideologia dei tecnici ci manda in recessione

Pubblicazione:venerdì 23 novembre 2012 - Ultimo aggiornamento:venerdì 23 novembre 2012, 19.12

Mario Monti (Infophoto) Mario Monti (Infophoto)

Mi chiedo se fosse proprio necessario fare questi sacrifici, con questa politica di austerità per avere dei simili risultati. Mi domando se era proprio necessario creare questo clima di sfiducia e anche di paura. Era proprio necessario sacrificare tanto per avere un deficit, che chiamano “strutturale”, dello 0,5% e perdere due punti e mezzo di Pil? Io credo che questo non sia affatto un buon risultato. Anche il continuo ripetere che fanno alcuni, come Pier Ferdinando Casini ad esempio, che l’Italia è stata salvata dal baratro mi sembra forzato. C’era il rischio che la situazione sfuggisse di mano e per questo il centrodestra ha fatto un passo indietro. Ma giustificare questi risultati con dichiarazioni di questo tipo è veramente esagerato e sbagliato. Oggi paghiamo con la recessione, mentre si potevano ottenere altri risultati senza queste misure di assoluto rigore, tra l’altro non compensate da alcuna manovra per la crescita.

 

Probabilmente è nella filosofia di questo Governo usare questo tipo di linea.

 

Questo non è un “Governo dei tecnici”, questo è un Governo ideologico, con un’antica vocazione di carattere azionista, che alla fine si è messo sulla linea dei vecchi governi di “solidarietà nazionale”. Il problema diventa difficile adesso, perché la sinistra, che ha sponsorizzato questo Governo per mettere all’angolo Berlusconi, non può reggere ancora a lungo questa politica del rigore.

 

Lei pensa che si ritornerà a un Governo politico?

 

Io credo che sarà necessario ritornare a un Governo politico e spero che gli italiani sappiano scegliere che cosa è necessario in questo momento, senza rimanere su posizioni astensionistiche e senza affidarsi a un nuovo giustizialismo, come quello del movimento di Beppe Grillo.

 

(Gianluigi Da Rold)



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.  

COMMENTI
23/11/2012 - ottimo intervento (cesare gizzi)

Analisi lucida prof. come ai tempi dell'università. Peccato che ora sono di moda i bocconiani