BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

GIGANOMICS/ Bersani, Renzi e la “rivincita” delle primarie. Intanto Bernabè sfida Google e Facebook

Pubblicazione:lunedì 26 novembre 2012

Perfida Albione. Un grande uomo di Stato, un politico che è stato un tassello decisivo della costruzione dell’Unione europea e dell’euro come Jacques Delors dovrebbe resistere alla tentazione di fare la storia con i se. Invece lo ha fatto quando, commentando il fallimento dell’ultimo vertice di Bruxelles sul budget comunitario, ha detto: “Tutta colpa degli inglesi. Io lo avevo detto agli inizio degli anni ‘70, quando si trattava di decidere sulla loro adesione, che sarebbe stato meglio tenerli fuori l’Europa. Avevo ragione e se mi avessero ascoltato...”. Ma appunto, la storia non si fa con i se. Chi ha potere di influire sulle decisioni, e Delors allora lo aveva, deve usarlo. Se poi non ha successo, è meglio un dignitoso silenzio. Anche se, ieri sera da Fazio, Mario Monti, dopo aver detto che è meglio per l’Inghilterra restare in Europa e per l’Europa tenersi l’Inghilterra, ha ammesso che “un problema c’è con gli inglesi, perché a volte sono esasperanti con le loro richieste”. Dunque Delors non ha evocato un fantasma, ma qualcosa di molto concreto.

 

giganomics.it@gmail.com

 



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.