BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

FINANZA/ Il risiko greco fa tremare la Germania

Pubblicazione:

Infophoto  Infophoto

Basta uno sguardo ai due acquirenti, Banca del Pireo e Alfa Bank, per sospettare che la posta in gioco fosse molto alta. A inizio 2012 le banche greche erano ricorse alla liquidità concessa dalla Bce e dalla banca nazionale per 73 e 54 miliardi di euro rispettivamente. A maggio, Atene riceveva l’accordo di Ue e Fmi per un secondo bailout; dei 130 miliardi di euro concessi, 18 raggiungevano le casse delle principali banche nazionali. Tra queste ci sono Banca del Pireo e Alfa Bank (a cui andavano 4,7 e 1,9 miliardi di euro), National Bank ed Eurobank (beneficiarie del resto dei 18 miliardi). I capitali freschi sono subito utilizzati per ripianare le perdite sui titoli pubblici e per garantire operatività agli sportelli presi d’assalto.

Insomma, il bancario greco è da mesi al centro di una girandola di soldi pubblici e un elemento non è passato inosservato: grazie ai miliardi Ue, il governo di Atene ha messo un piede nell’azionariato delle principali banche nazionali e attraverso un piano di ristrutturazione elaborato dal ministero delle Finanze, si è ritagliato un ruolo di playmaker. Da allora, il settore bancario inizia una lenta fase di consolidamento a lungo attesa: National Bank ed Eurobank annunciano un piano di fusione a inizio ottobre, mentre sul tavolo delle negoziazioni si apre anche il fascicolo della Banca postale ellenica.

Con lo sfilarsi delle banche francesi, il numero di istituti si riduce ulteriormente ed è questa, probabilmente, la chiave di lettura più completa dell’attuale risiko bancario; al prossimo tavolo di negoziazioni, Atene potrà contare su un sistema creditizio più compatto, mentre dall’altro lato i principali sponsor dell’Ue, Francia e Germania, avranno le mani più libere. Il governo di Parigi, infatti, separando una volta per tutte crediti ellenici incagliati e conti correnti transalpini, non avrà interessi nazionali da salvaguardare e guarderà, forse per la prima volta, con realismo al problema del debito sovrano greco. Si noti per inciso che puntuali sono già arrivate le aperture del presidente Hollande per una revisione dei patti fiscali imposti ad Atene e verso un accordo più orientato alla crescita.

Per Berlino, invece, la situazione è più complessa: non è ancora chiaro se e fino a che punto le banche tedesche possano assorbire le perdite legate a una svalutazione dei titoli greci a bilancio, ma la sostanza non cambia. Mentre i falchi della Bundesbank invocano rigore, le industrie tedesche continuano a vincere appalti e commesse con il governo di Atene, contribuendo - con pratiche commerciali spesso al centro di indagini e accordi stragiudiziali - ad allargare il buco nei conti pubblici della Grecia.

Ora che Parigi si è sfilata dalla crisi greca, la partita è a due. Berlino dovrà muoversi in fretta e trovare la quadra per le prossime tranche del bailout, pena restare col cerino in mano il prossimo anno, in piena campagna elettorale.

Ma in tutto questo l’Europa può davvero permettersi di restare a guardare? L’attuale stallo è drammaticamente accentuato dalla crisi, ma è in fondo l’eredità ambigua del trattato di Maastricht: dopo aver posto grande enfasi sui conti pubblici (con quale autorità oggi è evidente a tutti), nessun progetto ha sigillato una politica comune e il mercato unico europeo si è trasformato in un’arena di interessi nazionali a moneta unica. Il caso greco è il più disastroso, ma proprio per questo sui grandi problemi strutturali di Atene si gioca il futuro e la credibilità dell’Unione.



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.