BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

CONSUMI/ Confcommercio: burocrazia e credito frenano le imprese

foto Infophoto foto Infophoto

L'Italia si aggiudica poi il primato negativo per i tempi di pagamento della pubblica amministrazione alle imprese fornitrici con quasi duecento giorni di attesa. Il debito che queste ultime hanno calcolato si aggira intorno ai 95 miliardi di euro. La stretta operata dalle banche finisce per incidere negativamente sui consumi delle famiglie e sulle imprese. Secondo Bankitalia, a settembre i prestiti sono calati del 3,2% su base annua mentre in un anno sono 42 i milioni di euro in meno erogati a imprese e famiglie da parte degli istituti di credito. Secondo lo studio di Confcommercio, infatti, solo il 31,5% delle aziende del terziario si vede accogliere le richieste di credito, mentre a fine 2009 il via libera arrivava a oltre sette aziende su dieci.  

© Riproduzione Riservata.