BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Economia e Finanza

IL CASO/ Così il fallimento di Monti sulle province può diventare una vittoria

InfoPhotoInfoPhoto

Nella prospettiva di un’autentica riforma del livello di governo intermedio tra Comune e Regione varrebbe allora piuttosto la pena di studiare il caso di un Paese come la Germania, rimasto largamente immune dall’influsso napoleonico di cui si diceva. Per conseguenza e significativamente in Germania tale livello di governo non esiste ovunque (le città-stato di Amburgo, Brema e Berlino non ce l’hanno); e soprattutto laddove esiste non è tuttavia uniforme. Si danno in sostanza tre casi: 1. quello dei territori che non gravitano attorno a una città, oggi 323, il cui livello di governo intermedio è il Circolo o Circondario territoriale o Landkreis (detto, in alcuni Länder, Kreis); 2. quello della città extra-circondariale (kreisfreie Stadt) che in quanto a competenze è nel medesimo tempo Comune e Circondario; 3. quello dei circondari urbani (Stadtkreis) in cui la città capoluogo ha anche competenze che altrove sono circondariali. 

Nei Circondari territoriali (Landkreis) di alcuni Länder esistono poi delle Unioni di Comuni  (Kommunalverband) con competenze diverse. Il loro status giuridico peraltro varia secondo l'ordinamento del Land cui appartengono. Possono essere sia enti territoriali (Gebietskörperschaft) veri e propri, o anche semplici enti di diritto pubblico (Körperschaft des öffentlichen Rechts) con limitate funzioni amministrative. Infine, diversamente che da noi, aree disabitate e specchi d’acqua interni possono anche essere territori extracomunali (geimeindefreies Gebiet) ossia non rientrare nel territorio di alcun Comune. E non è un caso raro: ce ne sono infatti circa 250. 

Complicato? No, adeguato alla varietà delle situazioni. Complicatissimo e inefficiente se organizzato e controllato dalla capitale, ma semplicissimo ed efficiente se organizzato e controllato sul posto da governi locali responsabili di fronte ai loro elettori non solo dei modi e dell’entità della spesa, ma anche dei modi e dell’entità del prelievo fiscale.

 

© Riproduzione Riservata.