BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

ABOLIZIONE IMU/ Federalismo e Pil si mettono "contro" Berlusconi

Pubblicazione:

Foto: InfoPhoto  Foto: InfoPhoto

Credo sia opportuno chiedersi come mai nel 2011 è stato deciso di introdurre l’Imu anche sulla prima casa. Questo avvenne perché l’Europa, attraverso la famosa lettera della Bce di agosto scorso, ci aveva imposto rigide misure di contingentamento della spesa pubblica. Per cui l’Imu applicata all’abitazione principale non trova ragioni di carattere tributario in senso stretto, ma di bilancio, con l’obiettivo di riequilibrare i conti pubblici. Proprio per questo una parte del gettito va ai Comuni e un’altra allo Stato.

Nel caso in cui l’Imu sulla prima casa venisse abolita, dove sarà possibile trovare quelle risorse che inevitabilmente verrebbero a mancare?

Se il 2013 vedrà una effettiva ripresa dell’economia, l’Imu sulla prima casa potrà anche venire abolita e il gettito potrà rientrare dalle imposte principali. Se invece l’economia rimarrà più o meno stagnante, francamente credo sia improbabile immaginare questa ipotesi. Voglio però ricordare che, anche se è stato previsto un gettito complessivo di almeno 24,1 miliardi, questo non deriverà esclusivamente dalle entrate sull’abitazione principale, quindi le risorse che verrebbero a mancare in caso di abolizione sarebbero significativamente più basse, probabilmente intorno ai 5-8 miliardi di euro. Ciò ovviamente non toglie che stiamo parlando di cifre comunque molto importanti che difficilmente potrebbero essere compensate.

 

(Claudio Perlini)



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.