BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

GIGANOMICS/ La legge di Murphy colpisce il Pd e l’Imu “regala” soldi allo Stato

Pubblicazione:mercoledì 19 dicembre 2012

Grazie Monti. Il Monte dei Paschi di Siena ieri ha registrato un balzo record in Borsa, segnando un +5%. Questo perché l’Unione europea ha dato il via libera ai Monti bond che porteranno alla sgangherata banca toscana 3,9 miliardi di euro permettendole di sopravvivere. Quei 3,9 miliardi sono, ovviamente, pagati dallo Stato, dai contribuenti e corrispondono, quasi, ai 3 miliardi più del previsto entrati nelle casse pubbliche dall’Imu (vedere sopra). Agli azionisti di Mps dunque è andata bene. In prima fila fra questi fortunati c’è la Fondazione Mps controllata da sempre dai politici locali, da sempre di sinistra (Pci.Ds.Dp), gli stessi che hanno portato la banca sull’orlo del fallimento. È la meritocrazia, bambole!

 

Rating sballati. Le temute agenzie di rating, quelle che con i loro voti promuovono o bocciamo un po’ tutti sui mercati, in realtà per fare le loro valutazioni lanciano la monetina. Uno studio pubblicato ieri ha fatto scoprire che dal 1974 a oggi nel 47% dei casi i mercati non hanno seguito le loro indicazioni per quanto riguarda i debiti sovrani, cioè le emissioni di bond statali. Una volta su due quando i soloni di Standard&Poor’s o Moody’s dicevano “downgrade”, i mercati compravano, mentre di fronte all’indicazione “upgrade”, vendevano. L’ultimo esempio è venuto poche settimane fa dalla Francia: ha perso la tripla A, ma il suo debito è stato molto richiesto dagli investitori. Anche noi dei media dovremmo riflettere su questo dato e declassare le agenzie di rating a quello che sono diventate: junk.

 

Pensionare Benigni. Non ho visto la trasmissione costituzionale di Roberto Benigni perché su un altro canale c’era un bel film. Ha detto - secondo quanto riportato dai giornali - che bisognerebbe mandare qualcuno in pensione. Ha ragione. E se si incominciasse da lui?

 

Rottamare Malagò. Giovanni Malagò, amico della Roma che conta a partire da Luca Montezemolo, detto anche prezzemolo perché lo si trova dappertutto, si candida alla guida del Coni presentandosi come rottamatore. E se si incominciasse da lui?

 

giganomics.it@gmail.com

 



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.