BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

FINANZA/ 2. La nuova bolla "a mandorla" che spaventa i mercati

Pubblicazione:

Shinzo Abe (InfoPhoto)  Shinzo Abe (InfoPhoto)

Il problema principale del Giappone, infatti, è di natura fiscale: debito e deficit non possono più essere tenuti sotto controllo, quindi i tassi d'interesse devono obbligatoriamente restare pressoché a zero, visto che lo Stato non può permettersi di pagare rendimenti che superino quella cifra. E il fatto che i fondi pensione pubblici e privati, incapaci di ottenere un rendimento dalle loro detenzioni, stiano pagando a un sempre maggior numero di pensionati benefits in crescita, aggrava la situazione.

E che non tutti sposino l'ottimismo di Abe e di qualche traders rispetto alla svolta giapponese lo conferma la decisione proprio di alcuni fondi pensione nipponici di investire in oro per la prima volta, chiaro sintomo di timore per nuovi shock sul mercato azionario e obbligazionario, mentre fino a oggi l'investimento preferito era in azioni di aziende nazionali e bonds, mai asset fisici. Ad esempio, il Government Pension Investment Fund, il fondo pensioni pubblico più grande del mondo, detiene il 64% dei suoi assets in bonds nipponici, l'11% in azioni giapponesi, il 9% in bonds stranieri e il 12% in azioni straniere, stando ai dati di fine settembre. Ma quando la crisi picchia duro come sta facendo, anche i grandi player piangono: il Fondo giapponese ha perso il 7,6% nell'anno fiscale 2008. Quindi, si diversifica il portafoglio. Lo ha fatto, ad esempio, lo Okayama Metal&Machinery Pension Fund, che gestisce i fondi pensione di circa 260 piccole e medie azione nell'area di Okayama, che ha cominciato a comprare oro nel mese di marzo, circa 600 milioni di yen a fronte di asset per 40 miliardi di yen. Lo stesso ha fatto e per la cifra di 2 miliardi di yen Mitsubishi UFJ Trust and Banking Corporation attraverso un gold fund creato sempre a marzo.

Insomma, oro per combattere l'inflazione, esattamente il timore che sta scatenando la decisione di Abe di mettere il turbo alle presse e comprare bonds senza limite. E mentre la maggior parte dei fondi pensioni sta ancora alla larga dall'oro, essendo un investimento che non offre rendimento e che, in caso di oro fisico, comporta invece costi per lo stoccaggio, sempre più analisti pensano che un eventuale picco inflattivo potrebbe cambiare completamente la prospettiva, con operatori pronti ad aumentare le quote percentuali dei portafogli anche attraverso Etf sull'oro.



< PAG. PREC.   PAG. SUCC. >