BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

CRISI EDILIZIA/ Banche e social housing possono "sbloccare" le case in Italia

Pubblicazione:

foto Infophoto  foto Infophoto

Fare previsioni precise su questo settore è sempre complicato anche perchè il 2012 ha rappresentato uno dei punti più bassi del mercato. Al contempo, immaginare una veloce ripresa è veramente difficile.

 

Il calo delle compravendite, in picchiata del 23,9% nei primi nove mesi dell'anno, non fa altro che alimentare peggioramento dello stato del settore. Da dove ripartire?

 

Il calo dell'acquisto delle abitazioni è legato al problema occupazionale e alla crisi economica e dei consumi: la riduzione delle capacità di spesa delle famiglie ha causato la diminuzione di chi si può permettere un bene fondamentale come la casa. Sicuramente, uno dei segmenti che ancora può dare ossigeno al settore immobiliare è quello del social housing che favorisce quelle classi sociali che oggi hanno una capacità limitata di spesa. Servono, dunque, politiche di housing sociale che devono coinvolgere, in un circolo virtuoso, il settore pubblico, i comuni e le pubbliche amministrazioni.

 

Quali sono le politiche più adatte che il Governo può mettere in campo per favorire la ripresa?

 

Indubbiamente, l'imposizione fiscale sulle abitazioni è troppo forte a sicuramente non può che peggiorare lo stato del settore. Quindi, un atteggiamento di benevolenza sulla fiscalità del capitolo casa sarebbe un elemento più che positivo. In linea di principio, uno degli aspetti su cui insistere è il fatto che il Governo trovi una soluzione affinchè le banche tornino a fare il loro mestiere: la drammatica riduzione del numero dei finanziamenti alle famiglie è un segnale fortemente negativo che dipende, sia dalla scelta di acquisto ma anche, in larga misura, dall'impossibilità di ottenere credito dagli istituti bancari e di trovare abitazioni a prezzi ragionevoli. Insomma, uno dei principali campi d'azione su cui si dovrà lavorare per sbloccare la situazione attuale è il patto fra Esecutivo, mondo bancario e settore immobiliare.  



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.