BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

DECRETO SVILUPPO/ Spiagge, scuola, farmaci, turismo: tutte le novità introdotte al Senato

Pubblicazione:

Foto: InfoPhoto  Foto: InfoPhoto

DECRETO SVILUPPO, TUTTE LE NOVITA' E LE MODIFICHE - L'aula del Senato ha ripreso l'esame del decreto sviluppo sul quale il governo potrebbe chiedere già oggi il voto di fiducia che dovrebbe partire dalle ore 15. Intanto tra lunedì e ieri mattina, nonostante il parere negativo del governo italiano e della Commissione europea, le commissioni Bilancio e Industria del Senato hanno dato parere contrario all'emendamento dei relatori al decreto Sviluppo riguardo la proroga di 30 anni alle concessioni demaniali marittime, ovvero le spiagge. La proposta sottoscritta dalla commissione Industria, invece,  prevede il prolungamento del termine di altri cinque anni (fino al 2020), decisione che ha suscitato non poche polemiche. Tra le altre novità inattese (e considerate un passo falso) vi è il mantenimento del tetto di 500 milioni per le opere infrastrutturali destinatarie del credito d’imposta. Inizialmente si pensava a un abbassamento del tetto fino a 100 milioni di euro, ipotesi promossa da ministero delle Infrastrutture e forze politiche, ma alla ha avuto la meglio il sottosegretario Guido Improta che ha bloccato ogni variazione rispetto all’impostazione originale. Tra gli emendamenti allo studio del governo che invece dovrebbero rientrare nel prossimo Decreto Sviluppo c’è il fondo unico per l'edilizia scolastica e piani triennali per lo sviluppo delle infrastrutture; il ministro dell'Istruzione dovrà quindi definire le “priorità strategiche, le modalità e i termini per la predisposizione e per l'approvazione di appostiti piani triennali, articolati in singole annualità, di interventi di edilizia scolastica, nonché di relativi finanziamenti”. Dal 2013, invece, verrà istituito “il Fondo unico per l'edilizia scolastica, nel quale confluiscono tutte le risorse iscritte nel bilancio dello Stato destinate a finanziare gli interventi di edilizia scolastica”. Il decreto approvato in commissione prevede anche la creazione di un piano strategico di sviluppo del turismo: la norma stabilisce infatti che, entro il 31 dicembre del 2012, il governo adotterà “un piano strategico di sviluppo del turismo in Italia, di durata almeno quinquennale” e che dovrà essere aggiornato ogni due anni. Novità anche sui farmaci: nelle ricette farmaceutiche, infatti, il medico non sarà obbligato a scrivere solamente il principio attivo e potrà anche decidere di indicare il nome specifico di un medicinale. "Il medico - si legge - che curi un paziente per la prima volta, per una patologia cronica ovvero per un nuovo episodio di patologia non cronica, per il cui trattamento sono disponibili più medicinali equivalenti, indica nella ricetta del Servizio sanitario nazionale la denominazione del principio attivo contenuto nel farmaco oppure la denominazione di uno specifico medicinale a base dello stesso principio attivo accompagnata alla denominazione di quest'ultimo”. 


  PAG. SUCC. >