BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

LIBERALIZZAZIONI/ E ora anche il Pd "copia" gli errori di Monti...

Pubblicazione:sabato 11 febbraio 2012

Foto InfoPhoto Foto InfoPhoto

Il Partito democratico scende in campo per migliorare il decreto sulle liberalizzazioni del “governo dei tecnici” di Mario Monti. Sono chiamate proposte prioritarie e sono raggruppate, punto per punto, in un lungo documento che parte dalle banche per arrivare ai notai. Probabilmente, in sede di dibattito, il Pd “prenderà tutti di sorpresa”, consigliando liberalizzazioni più radicali rispetto a quelle già operate dal “governo dei tecnici”. Poiché occorrerebbe fare quella che si chiama una lunga “collazione” tra un testo e l'altro, bisognerà al momento concentrasi su alcuni aspetti. Commentando alcuni punti di questo testo con il professor Ugo Arrigo, docente di Scienza delle finanze alla Università Statale di Milano-Bicocca, si trae la sensazione che non si veda ancora veramente un impianto di liberalizzazioni in Italia.

 

Professore, prendiamo come esempio la gratuità dei conti correnti di base destinati esclusivamente all'accredito delle pensioni. Oppure il principio della portabilità senza oneri per il cliente del conto corrente presso un'altra banca. Sembrano cose di buon senso, condivisibili, ma neppure il Pd sembra molto agguerrito nelle liberalizzazioni.

 

Direi che questa è una difesa del consumatore più debole, che va anche bene, per carità. Ma che cosa c'entra tutto questo con le liberalizzazioni? Il processo di liberalizzare un Paese bloccato come il nostro, in diversi settori dell'economia, non può ridursi solo alla difesa dei consumatori. Mi sembra che in una simile impostazione, pur cercando di migliorare quello che il governo ha già fatto, si segua una strada piuttosto marginale.

 

Sembra di rivedere, in un certo senso, le vecchie “lenzuolate” di Pierluigi Bersani, dove, anche in quel caso, si scambiavano liberalizzazioni con la difesa dei consumatori.  

 

L'impressione è proprio questa ed è un'abitudine abbastanza radicata. Con la difesa dei consumatori si acquista buona visibilità, buona stampa, ma non si tocca il problema centrale, non si affrontano i problemi reali di questo Paese in materia di liberalizzazioni.

 

La stessa filosofia la si vede sul problema delle farmacie e dei farmaci di cosiddetta “fascia C”. Dice il documento migliorativo del Pd: "Si rimuovono le limitazioni alla piena liberalizzazione delle vendita dei farmaci di fascia C (come richiesto dall'Antitrust)... estendendola anche ai medicinali veterinari, al fine di ampliare la concorrenza a vantaggio dei cittadini".


  PAG. SUCC. >