BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

FINANZA/ 1. Ecco i nuovi "trabocchetti" del debito greco

Pubblicazione:martedì 14 febbraio 2012

Infophoto Infophoto

Al termine di un lungo weekend di paura, e all’inizio di una ancora più lunga settimana di passione, il Parlamento greco ha approvato le misure richieste dall’Institute for international finance, Iif (con la benedizione del Fondo monetario internazionale e delle istituzioni europei), per la concessione di aiuti d’emergenza al fine di evitare l’insolvenza quando il 20 marzo scadono titoli per circa 15 miliardi di euro e devono essere rifinanziati.

Essenziale ricordare i termini dell’accordo, uno “swap” formalmente volontario tra obbligazioni garantite unicamente dal Governo greco e titoli con un supporto multilaterale: i soci dell’Iif (in pratica grandi banche che detengono la metà circa del debito greco, stimato in circa 350 miliardi di euro) perderebbero il 70% del valore nominale, ma ne recupererebbero il 20%, se e quando l’economia ellenica andrà meglio. C’è chi non sottoscrive l’accordo, ma ne trarrà vantaggio: i piccoli creditori e gli hedge funds. Specialmente quest’ultimi hanno comprato titoli greci a prezzi stracciati (mediamente il 30% del valore facciale, ma in certi casi pure il 15%) con la prospettiva di guadagni speculativi considerevoli in caso di accordo con le grandi banche - quando, si stima, il valore di mercato delle obbligazioni greche si situerebbe sul 50-60% di quello nominale.

In questo quadro, appare buona la proposta formulata il 12 febbraio dal ministro delle Finanze, Evangelos Venizelos, al Parlamento di lanciare, entro la fine di questa settimana, un’offerta pubblica “a tutti i creditori privati” per la ristrutturazione del debito. In tal modo, si uscirebbe dall’impiccio di concludere un accordo di ristrutturazione unicamente con le grandi banche dell’Iif, ma tale da favorire soprattutto terzi (specialmente quelli che hanno operato con un intento puramente speculativo). È possibile che l’idea venga da uno dei due miei vecchi amici, George Pscharopoulos o Dimitri Koulourianos. Hanno ambedue lasciato incarichi pubblici e sono politicamente agli antipodi: iper liberista Pscharopoulos e socialista quasi marxista Koulourianos. Ma sanno il fatto loro in materia di economia e finanza.

È una proposta, però, che accanto a opportunità presenta trabocchetti. Non è una mera e semplice asta di titoli come quelle fatte normalmente da tutti i Tesori del mondo, raggruppandoli per tipologia (ad esempio, con cedole o senza cedole) e per durata (semestrali, annuali, decennali anche trentennali). Si tratta di decidere quale proporzione del debito in essere mettere all’asta, su che arco di tempo e, soprattutto, come “impacchettare” i vari lotti. A riguardo è necessario che le istituzioni europee e il Fmi, dopo avere fatto da levatrici all’accordo Grecia-Iif, diano tutto il supporto tecnico necessario.


  PAG. SUCC. >