BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

QUALCOSA DI SINISTRA/ Quel "bluff" targato Monti-Passera-Fornero

Pubblicazione:

Infophoto  Infophoto

Si parla correttamente, in Italia, di un “capitalismo di relazione”, contrapposto al capitalismo iperliberista all’americana, che guarda solo ai soldi e non riconosce nessuna priorità ai rapporti interpersonali. Ebbene, il premier Mario Monti, il ministro per lo Sviluppo economico, Corrado Passera, il ministro del welfare Elsa Fornero sono personaggi dalle competenze tecniche e dal profilo deontologico specchiato, ma contemporaneamente sono frutti eccellenti eppure tipici del capitalismo di relazione. Monti, consigliere d’amministrazione della Fiat e della Goldman Sachs, oltre che esponente del gruppo Bilderberg e della Trilateral. Passera è stato apprezzatissimo capo di Intesa Sanpaolo dopo aver gestito le Poste su incarico dell’allora premier Ciampi e aver per vent’anni lavorato come braccio destro di Carlo De Benedetti, il meno irregimentato dei capitalisti italiani, ma pur sempre grande capitalista. La Fornero, al di là della brillante carriera accademica, è stata un esponente autorevole della più importante fondazione bancaria italiana…

Questa lunga premessa per arrivare a una domanda: che verosimiglianza ha l’idea che da una simile terna possa scaturire qualche riforma realmente capace di ribaltare le regole del sistema? Migliorarle sì, riscrivendole anche in buona parte, ma renderle più efficienti, non per ribaltarle. Come, secondo molti, in tanti casi sarebbe necessario. Ed è quel che traspare nella campagna delle liberalizzazioni avviata e oggi in itinere alle Camere.

Prendiamo il caso delle polizze. Un provvedimento sacrosanto: tutti gli agenti assicurativi devono diventare, di fatto, multimandatari, e presentare così ai clienti le offerte di più compagnie, non solo della propria; ma chi conosce il settore sa bene che la categoria degli agenti svolge di solito un ruolo di pura intermediazione, utile soprattutto a scoraggiare il cambio di compagnia da parte dei clienti, e che sarebbe il caso di chiedersi quanto abbia senso conservarne la funzione, o per quanto tempo. Sono stati “aboliti” gli agenti di cambio, potrebbero ben esserlo anche quelli di assicurazione: non dall’oggi al domani, ma gradatamente; internet basta e abbonda a comprare le polizze, per le liquidazioni già lavorano i centri sinistri delle compagnie.... La scatola nera per le auto, tracciando velocità, tragitti, accelerazioni e decelerazioni ha la possibilità tecnica di eliminare alla radice la maggior parte delle truffe; dovrebbe essere obbligatoria e il costo, peraltro modesto (un terzo del premio medio annuo di una Rc auto), andrebbe ovviamente sostenuto dalle compagnie, in cambio della fine dei contenziosi per truffa: peccato che la riforma del governo si limiti a suggerirne l’adozione e non a imporla.

Per calmierare le parcelle professionali, il governo aveva pensato di imporre i preventivi obbligatori alle categorie. Apriti cielo, proteste a 360 gradi e retromarcia: preventivi facoltativi, come non averli.


  PAG. SUCC. >