BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

FINANZA/ Campiglio: Merkel-Obama, l’ultimo "round" per salvare Italia e Ue

Pubblicazione: - Ultimo aggiornamento:

Barack Obama e Angela Merkel (Infophoto)  Barack Obama e Angela Merkel (Infophoto)

Perché sta prevalendo una sorta di “fondamentalismo germanico” dove si mette in atto una linea punitiva verso i paesi che hanno problemi nel rapporto tra debito e Pil. Questo comporta una situazione che sta diventando insostenibile e può provocare danni gravi, molto gravi. Anche per l’Italia. Dopo la crisi che è arrivata dall’America e quello che è accaduto in Europa noi stiamo avviandoci a gonfie vele in quello che temevano, il “double dip”. Di questo gli americani se ne sono resi conto. E vedono i segnali di una loro ripresa sfumare di fronte alla situazione europea.

Stanno emergendo contraccolpi politici seri di fronte a questa situazione, riflessi politici che mettono in luce allo stesso tempo disagi sociali profondi e anche dei risentimenti nazionali.

Devo dire che ho guardato, come molti altri, con disorientamento alle dichiarazioni tedesche sulla Grecia. Chiedere in questo modo, a un Paese già sconvolto, di essere commissariato rischia di essere un gioco molto pericoloso. Sembra quasi che vogliano raggiungere un punto di rottura. Mi permetto di dire che la Germania sta facendo un gioco molto pericoloso. E mi permetto di aggiungere che se la Grecia è commissariata in questo modo, noi italiani siamo dei “vigilati”. Usiamo questo termine.

Ormai prevale solo una preoccupazione, quella di far quadrare i bilanci degli stati.

Ormai è diventata un’ossessione. E l’ossessione è guardare solo una cosa, dimenticandosi invece di mettere ordine nella finanza, nel sistema finanziario. Dimenticandosi inoltre delle persone, della vita delle persone e della politica. Il risultato di tutto questo è la caduta di uno spirito europeo generale. Qualche anno fa c’era la fila di paesi che volevano entrare in Europa, oggi mi sembra che non siano molti quelli che vi aspirano.

Intanto il Presidente federale della Germania, Christian Wulff, si è dimesso e la signora Merkel ha “saltato” l’appuntamento di Roma.


< PAG. PREC.   PAG. SUCC. >