BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

FINANZA/ L'asso di Monti per "liberare" le busta paga (e l'Italia)

Mario Monti (Infophoto) Mario Monti (Infophoto)

Ma non si è parlato, al contrario, delle opportunità e dei limiti del sistema Italia in un momento di “ripresina” internazionale. Eppure, come ha scritto giustamente Fulvio Coltorti, il promotore dell’ufficio studi di Mediobanca, il problema della nostra economia non sta nel costo del lavoro quindi, di riflesso, nei sacrifici in busta paga. Sta nella produttività che, come ci insegna Gian Mario Gros-Pietro, è legata anche (se non soprattutto) alle dimensioni dell’impresa, precondizione necessaria per avere un rapporto più maturo con il mondo del credito, liberando le piccole imprese dalla mannaia del fido a revoca. Sta nella capacità, che solo imprese di una certa dimensione possono avere, per poter competere nei grandi progetti urbani dei Paesi emergenti, senza doversi accontentare delle briciole elargite ai subfornitori di secondo e terzo livello.

È un’occasione per liberare gli “animal spirits” dei nostri imprenditori, che di certo non hanno brillato per inventiva e investimenti nel prodotto in questi anni, salvo lodevoli eccezioni. Non è tanto importante che sulla Ducati sventoli la bandierina tricolore, come si augura Il Corriere della Sera. Meglio la competenza che il passaporto: del resto, i migliori imprenditori italiani (compresi Brembo e Mapei, cioè le aziende dei candidati alla Confindustria) investono per lo più fuori confine per ragioni di mercato. Ma si tratta di spingere le imprese a rischiare e far finalmente qualcosa di nuovo oltre che lamentarsi con il governo senza però rinunciare alla pioggia di esenzioni e contributi a vario titolo. O facendo muro, ancor più del sindacato, alle riforme quando toccano le loro tasche.

© Riproduzione Riservata.

COMMENTI
16/03/2012 - risorsa dell'economia italiana (francesco taddei)

una innegabile risorsa dell'economia italiana è il carattere tricolore del prodotto. non è importante che il capitale che finanzia la ducati sia dell'audi (tantopiù che grazie alle filiali di costei la ducati può trarre vantaggio per crescere), quanto il fatto che la ducati continui a produrre dov'è tuttora, che il suo centro decisionale rimanga lì e che che la sua vetrina principale sia l'italia così da attrarre acquirenti. sarà garantito ciò nell'acquisizione? bene! altrimenti si ridurrà ad una qualunque moto color rosso.