BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

BTP ITALIA/ Dragoni: più vantaggi per lo Stato che per il piccolo risparmiatore

Pubblicazione: - Ultimo aggiornamento:

Foto: InfoPhoto  Foto: InfoPhoto

Non vedo rischi diversi da quelli dei titoli di Stato di altro tipo, salvo la durata. Un titolo a quattro anni non è breve e, se pensiamo alle diverse paure e tensioni che ci sono state negli ultimi mesi, ci proietta già nella prossima legislatura. Adesso c’è un momento di fiducia, ma il debito italiano è ancora altissimo, quindi il Btp Italia presenta i classici rischi di un Paese con un debito pubblico troppo alto che tra l’altro continua a crescere.

Quindi sconsiglia l’acquisto del Btp Italia?

Non sconsiglio l’acquisto di questo nuovo titolo, ma è importante tener presente che è legato ai rischi del debito italiano, ha una durata non breve, di 4 anni, e che il cosiddetto “premio” è veramente modesto, per cui lo valuterei in un modo non troppo diverso dagli altri titoli.

Una volta acquistato, in quali casi conviene venderlo prima della scadenza, rinunciando così al premio fedeltà?

Venderlo prima della scadenza potrebbe avere senso in diversi casi: innanzitutto se chi lo ha comprato ha bisogno di soldi e non sta possibilmente perdendoci, oppure se il risparmiatore teme un ribasso. Infine, conviene nel caso in cui i tassi siano scesi, il valore di mercato del titolo sia salito sopra i 100 e quindi se praticamente c’è un guadagno. Anche se, per un titolo che ha un tasso minimo del 2,5%, non vedo grandi margini di crescita del valore di mercato.

 

(Claudio Perlini)



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.