BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

FISCO/ Boom di entrate dalla lotta all’evasione

Procede senza quartiere la lotta all’evasione fiscale. In particolare, l’agenzia del Territorio ha consentito l’individuazione di 1.081.698 gli immobili mai dichiarati

Fotolia Fotolia

Procede senza quartiere la lotta all’evasione fiscale. In particolare, l’agenzia del Territorio ha consentito l’individuazione di gran parte di quei beni che, seppure impossibili da nascondere,  per anni in tanti sono riusciti a occultarli al fisco. Ovvero, le cosiddette case fantasma. Sono addirittura 1.081.698 gli immobili mai dichiarati scovati nel corso delle indagini del 2011. A tutti questi è stata attribuita una rendita catastale per un importo complessivo di 817,39 milioni di euro che dovrebbe determinare, quindi, un gettito fiscale pari a 472 milioni di euro. Contestualmente, cresce l’introito derivante dalle entrate fiscali, con un andamento in linea con l’assetto impositivo previsto e in parte realizzato dal presidente del Consiglio Mario Monti. Ovvero, si sta spostando il peso della tassazione dalla persone fisiche alle cose. Nel dettaglio, crescono dello 0,2% le imposte dirette e aumentano del 2,3% le imposte indirette. Tra le seconde, aumentano le tasse e imposte sugli affari (+1,5%), le imposte sulla produzione, sui consumi e dogane e monopoli (+2,9%), il gettito del lotto, lotterie e delle altre attività di gioco (+10,1%).

Inoltre, nel periodo gennaio-dicembre 2011, dalle imposte dirette sono provenuti 218.424 milioni di euro (+410 rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente) 193.366 milioni (+4.413 milioni) dalle quelle indirette. In totale, nel 2011, le entrare sono ammontate a 411.790 milioni di euro (più 4.823 milioni di euro rispetto all’anno precedente, pari al +1,2%). Ottimo anche l’andamento del mese di gennaio, quando le entrate tributarie erariali sono ammontate a 32.680 milioni di euro, rilevando una crescita di 1.405 milioni di euro, pari al 4,5% rispetto allo stesso mese dell’anno precedente. Il Dipartimento delle Finanze del ministero dell'Economia fa, inoltre, sapere che il 2011 ha chiuso segnando un cospicuo aumento degli «incassi da ruoli relativi ad attività di accertamento e controllo». Gli accertamenti derivanti dell'evasione fiscale hanno prodotto incassi per 7.361 milioni di euro, determinando un aumento del 22,7% rispetto al 2010 (pari a +1.361 milioni di euro).