BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Economia e Finanza

FINANZA/ 1. Vittadini: giù le mani dai "tesori" d’Italia

Foto Imagoeconomica Foto Imagoeconomica

In un mondo in cui sui media anglosassoni si è a lungo sostenuto che l’euro è a rischio per colpa dei pensionati italiani, non è strano che qualcuno torni a dire che le “strane” Fondazioni italiane sono un problema, anzi “il problema”. Non è sorprendente che si accusino le fondazioni azioniste di Intesa Sanpaolo (sole azioniste stabili del gruppo) di aver concordato la scelta del nuovo amministratore delegato: bisogna creare un diversivo rispetto ai casi di tanti amministratori delegati di altre banche europee o americane, complici dei fondi speculativi nell’assumersi rischi e nel gonfiare i bilanci. Non stupisce neppure che, ancora una volta, qualcuno pensi di obbligare le Fondazioni a consegnare “oro alla patria” (attività finanziarie e partecipazioni) in cambio di titoli di Stato, magari irredimibili. In breve, si accusano le Fondazioni di essere “costo della politica” per continuare a finanziare i veri “costi della politica”.

Da ultimo, è ovvio che molti protagonisti dell’eterno “capitalismo senza capitali” dell’Azienda-Italia siano infastiditi dal vedere crescere la Cassa depositi e prestiti, con i suoi nuovi fondi strategici, come “banca di sviluppo” di un Paese in convalescenza economica. Certo, professor Zingales, la capiamo: una volta c’erano la Mediobanca di Cuccia e la Comit di Mattioli; oggi Cuccia non c’è più e neppure la Commerciale. Certo, l’Illinois - dove lei vive e da dove è partito il presidente Obama - è sull’orlo del default e una fondazione come la Cariplo farebbe davvero comodo. Perché non ci studia un po’ sopra?

© Riproduzione Riservata.

COMMENTI
06/03/2012 - Cure peggiori del male (Mariano Belli)

ma magari fossimo già in convalescenza economica, purtroppo invece ci hanno dato da fare la chemio, e chi vuol capire capisca....

 
06/03/2012 - cura di sè (francesco taddei)

avere un occhi di riguardo per i propri "gioielli" non è provincialismo, ma deve essere da stimolo per una programmazione sia del territorio che nazionale. ben vengano fondazioni e cassa depositi e prestiti. e chi vive nell' illinois ci resti.