BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Economia e Finanza

INDUSTRIA/ Crollo della produzione nel gennaio 2012: -5%. Non accadeva dal 2009

Inizio di anno nero per l’industria italiana. L’Istat ha rilevato che nel mese di gennaio 2012 la produzione industriale ha subito una flessione del 5% su base annua, il minimo dal 2009

Foto ImagoeconomicaFoto Imagoeconomica

Inizio di anno nero per l’industria italiana. L’Istat ha infatti rilevato che nel mese di gennaio 2012 la produzione industriale ha subito una flessione del 5% su base annua, mentre l’indice destagionalizzato della produzione industriale è calato del 2,5% rispetto a dicembre 2011. Un dato così negativo non si registrava dal mese di dicembre del 2009, e sono coinvolti praticamente tutti i settori: tra quelli più colpiti ci sono però il settore dell’energia, che fa registrare un 5,9% in meno, dei beni di consumo, con un calo del 5,8%, e dei beni intermedi e strumentali, che mostrano una flessione rispettivamente del 5,4 e del 4,2%. Le diminuzioni tendenziali più ampie sono state registrate nei settori del legno, carta e stampa, con un meno 16,3% e altre industrie manifatturiere, come la riparazione e installazione di macchine e apparecchiature, che fa registrare un -13,3%, la fabbricazione di coke e prodotti petroliferi raffinati, -11,4%. Stesso calo, cioè dell’11,4%, per la fabbricazione di apparecchiature elettriche e apparecchiature per uso domestico non elettriche. Ecco invece i settori che, rispetto al mese di gennaio 2011, hanno fatto registrare una crescita: l’attività estrattiva ha segnato un + 5,8%, mentre una crescita del 2,3% è stata fatta registrare dai prodotti di elettronica, la fabbricazione di computer e apparecchi di misurazione e orologi. Segno positivo anche per le industrie alimentari, bevande e tabacco, con un +2%. Il 2012 si è quindi aperto con un vero e proprio crollo della produzione industriale, con l’indice destagionalizzato che, rispetto a dicembre 2011, è diminuito del 2,5%. A gennaio, per effetto della correzione di calendario, l’indice è sceso in termini tendenziali del 5%, perché i giorni lavorativi, rispetto ai 20 di gennaio 2011, sono stati invece 21. L’Istat ha anche rilevato che nella media del trimestre novembre-gennaio l'indice è sceso dell'1,9% rispetto al trimestre immediatamente precedente. Tra tutti i settori maggiormente in calo, quello che ha fatto registrare la diminuzione tendenziale più ampia, è quello dell’automobile.