BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

GEOFINANZA/ Spagna, l’esca dei mercati per "rapinare" l’Italia

Pubblicazione:giovedì 12 aprile 2012

Mariano Rajoy e Mario Monti (Infophoto) Mariano Rajoy e Mario Monti (Infophoto)

I quali, stante la volontà del governo Rajoy, dovranno essere strizzati e tirati a lucido, visto che Madrid ha imposto agli istituti di racimolare capitale addizionale per 65 miliardi di dollari nel 2012: e dove prenderli, se non alla Bce visto che l’unico collaterale che hanno in mano sono Bonos in caduta libera o prestiti inesigibili? Non si spiegherebbe altrimenti il fatto che le posizioni short su titoli di Banco Santander hanno raggiunto l’11,21% del totale di azioni trattate e che i fondi, la scorsa settimana, hanno aumentato le loro scommesse al ribasso di altri 237 milioni di euro. Per il professor Fernandez-Villarde della Pennsylvania University, «la via dell’austerity imposta dai tedeschi è un’assoluta pazzia. Rajoy avrebbe dovuto evitare da subito di seguire l’esempio italiano, ovvero fare promesse che non ha intenzione di mantenere e fare come David Cameron, ovvero dire all’Europa dove deve andare». Della traiettoria greca di Madrid sono certi anche alla Carmel Asset Management, il cui ultimo report parla molto chiaro.

Primo, il debito pubblico reale della Spagna è più grande del 50% rispetto ai numeri ufficiali, passando almeno dal 60% a oltre il 90%, calcolando anche quello regionale. Secondo, il prezzo degli immobili scenderà di un ulteriore 35% e non del 15% stimato, dato che non solo peserà sui bilanci bancari, ma che significherà due punti in meno di Pil per i prossimi due anni. Terzo, una volta che le banche spagnole smetteranno di truccare i dati dell’esposizione al real estate (2,8% ufficiale contro l’11% stimato dalla Carmel nel suo studio), il loro stato di sottocapitalizzazione diverrà una headline globale sui mercati. Quarto, nonostante le molte parole, l’Europa non ha un firewall abbastanza grande per salvare la Spagna, visto che le necessità di rifinanziamento di Madrid solo nel 2012 sono pari a 186,1 miliardi di euro.

Capite ora perché gli spread schizzano alle stelle (salvo capitomboli del Bund come quello di ieri) e, nonostante i tentativi dell’Isda di distruggere il mercato dei cds, i credit default swaps spagnoli sono tra i prodotti più appetiti sul mercato in questi giorni? Attenzione, però. Che la Spagna sia il detonatore potenziale del nuovo contagio è innegabile, ma occorre evitare di cadere, come ha fatto Mario Monti l’altra notte dal Cairo, nella trappola dei mercati che puntano a una guerra fratricida tra poveri. Lo ha fatto notare, in un intervento davanti al gruppo del Partido Popular, proprio il premier spagnolo, Mariano Rajoy: «Ci sono state dichiarazioni di alcuni dirigenti europei, di nuovo questa notte, con un tono preoccupato. Abbiamo tutti problemi, noi lavoriamo per risolvere i nostri e aiutare la zona euro, ci aspettiamo che gli altri facciano la stessa cosa, che siano prudenti nelle loro affermazioni».

La Spagna è solo l’esca, la preda è l’Italia. E puntare il dito contro Madrid come unica contromossa, come hanno fatto Monti e Passera, significa far finire dritti dritti i titoli delle principali banche e aziende italiane ai primi posti sui terminali di Sigma X. Come accaduto lo scorso luglio, quando proprio Italia e Spagna ballarono insieme per settimane il valzer del default. Il governo batta un colpo, ora. Oppure batta in ritirata.



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.  

COMMENTI
12/04/2012 - In questo momento Monti non ha alternative (Giuseppe Crippa)

Il governo batta in ritirata... Per essere sostituito da cosa? Da un governo BDV (Bersani Di Pietro Vendola) che potrebbe uscire da elezioni anticipate o da un nuovo governo ABC (non Alfano Bersani Casini ma Annoni Bottarelli Credit ovviamente!)???

 
12/04/2012 - Solution (Diego Perna)

I suoi articoli sono sempre illuminanti, fanno vedere meglio, qualora ce ne fosse bisogno, che i mercati sono come g li strozzini, cravattari o usurai. Ma io mi continuo a chiedere quale sia la via d' uscita e così mi viene in mente se sia possibile che la magistratura possa intervenire. Di solito gli usurai vengono incastrati dalle telecamere, per i mercati invece se ne può fare a meno, ma si possono denunciare gli speculatori per strage? non sono esagerato, affamare e togliere speranza a generazioni con giochetti come quelli che lei descrive è moralmente becero, si dovrebbe oramai schifarsi di questa gente e trovareil modo di arrestarla ; se questo non succede invece, bisogna cominciare seriamente a chiedersene il motivo, chi sono coloro che mantengono ancora in piedi questo sistema, e perchè chi potrebbe farlo non fa niente. È possibile che ci sia soltanto Grillo che dice queste cose ormai da anni ? Non è che va preso sul serio? Mi piacerebbe che chi scrive sul vs giornale, mi desse una mano a capire meglio, sennò tanti bei discorsi che leggo, e di tante pseudo ricette per uscire dalla crisi che leggo, non so più che farmene. Buona giornata