BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

IMU E TASSE/ L'esperto: così lo Stato lascia gli italiani "senza casa"

Pubblicazione:giovedì 19 aprile 2012 - Ultimo aggiornamento:domenica 22 aprile 2012, 10.11

Foto Fotolia Foto Fotolia

La situazione è molto più complicata di quello che ci viene detto, ma non credo che le due cose siano necessariamente collegate. Rappresentano più che altro due aspetti dello stesso problema. È giusto andare nella direzione di una maggiore equità nell’imposizione, perché oggi i valori catastali non sono corrispondenti alla realtà, ma in Italia bisogna tenere presenta anche un altro notevole problema.

Quale?

Nel nostro Paese veniamo tassati sia sul trasferimento che sulla proprietà dell’immobile, cosa che a mio giudizio è incomprensibile. È come se il cittadino fosse prigioniero della proprietà: se questa viene venduta arrivano una montagna di tasse da pagare, ma la situazione non cambia neanche nel caso in cui si decida di non vendere. Bisogna fare chiarezza e stabilire delle tasse da applicare solamente in una delle due situazioni, altrimenti ci si trova in una condizione realmente paradossale.

Cosa pensa invece dell’ultima modifica al dl fiscale che mette a rischio le agevolazioni fiscali per gli anziani negli ospizi e disabili ricoverati? È stato deciso che lo Stato non dovrà rimetterci, quindi saranno i Comuni a dover decidere l’agevolazione per la casa di questi soggetti, ma sarà tutta a loro carico.

Torniamo allo stesso discorso che facevamo in precedenza: sembra che ancora nessuno abbia capito che le prime infrastrutture a cui bisogna pensare devono essere quelle per bambini e per anziani. Ci troviamo in un Paese decisamente deinfrastrutturato, a cominciare proprio dalle case. È chiaro che più è alto il reddito e minore è il valore sociale dell’infrastruttura, ed è giusto che gli anziani paghino l’Imu come tutti gli altri cittadini, ma non è possibile che a pagare la nuova imposta siano i disabili e tutti quegli anziani che percepiscono 800 euro al mese di pensione. È assurdo, ma nessuno sembra ancora accorgersene.  

 

(Claudio Perlini)



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.