BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

CALCOLO IMU/ Una super tassa per le seconde case sfitte? Saccomanno (Pdl): dal Governo accanimento inconcepibile

Pubblicazione:

Infophoto  Infophoto

CALCOLO IMU - IN ARRIVO UNA "SUPER IMU" PER LE SECONDE CASE SFITTE? Il governo Monti presenta una nuova, possibile stangata. Dopo l’approvazione del Senato in via definitiva del decreto fiscale, i dubbi e i malumori riguardo la tanto temuta Imu sono tutt’altro che finiti. Dopo il pagamento della prima rata dell’acconto, infatti, il governo fa sapere che effettuerà una verifica sul gettito della tassa e, nel caso in cui emergesse un buco nei conti del 2012 che metterebbe a rischio l’obiettivo del pareggio di bilancio previsto per l’anno prossimo, potrebbe ritoccare nuovamente le aliquote. Questo andrebbe ovviamente a penalizzare i possessori di seconde e terze case lasciate sfitte, che verrebbero colpite da quella che è già stata battezzata come “super Imu”. E poco importa se la casa in questione è quella per la vacanza o se è occupata da qualche figlio: ai fini dell’Imu non cambia assolutamente nulla.

Si tratta di una decisione che parte più che altro dai sindaci, che preferiscono andare a colpire le seconde e terze case sostanzialmente per evitare di tassare ulteriormente potenziali elettori: questo perché nella quasi totalità dei casi le case sfitte sono quelle utilizzate per le vacanze, quindi è praticamente impossibile che i proprietari risiedano nel comune relativo all’immobile. Per parlare delle varie Imu, Imu-bis e super Imu, IlSussidiario.net ha contattato il Senatore del Pdl Michele Saccomanno, secondo cui «non è più tollerabile l’accanimento con cui l’attenzione di questo governo si sta concentrando sulla casa. Non è più possibile immaginare che si proceda in questo senso: un carico fiscale eccezionale può essere tollerato per brevi periodi e con una evidente ripresa in partenza, ma in caso contrario il cittadino perde presto la pazienza. Non sembra che il governo si sia incamminato sulla possibilità di aiutare la ripresa, quindi ritengo che ci sarà una contrarietà totale a questi provvedimenti. La relazione della Corte dei Conti ci ha veramente preoccupati, ("L'urgenza del riequilibrio dei conti si è tradotta nel ricorso al prelievo fiscale, forzando una pressione già fuori linea nel confronto europeo e generando le condizioni per ulteriori effetti recessivi", ha detto Luigi Gianpaolino, presidente della Corte dei Conti), e conferma quanto stiamo affermando ormai da molto tempo». 



  PAG. SUCC. >


COMMENTI
27/04/2012 - I massoni fanno male anche a te,digli di smettere! (GIANLUIGI PARENTI)

Il ceto medio è sempre stato un boccone prelibato per i comunisti, i cattocomunisti e ora per massoni che desiderano guidare l'Italia in modo elitario, tagliando i risparmi e allargando la forbice tra ceti alti e tutti gli altri. Il ceto medio ha sempre dato fastidio, perchè può andare avanti con le proprie gambe, con la propria fantasia ed essere il perno di una economia sana e libera. I partiti mandino a casa questo governicchio di "ragionieri" ( mi scuso per l'affronto alla categoria!)e rimettano in campo sussidiarietà e solidarietà.