BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Economia e Finanza

DIETRO LE QUINTE/ Le "previsioni" di Passera svelano le sue mire politiche

Corrado Passera (Infophoto)Corrado Passera (Infophoto)

E’ giusto affermare che l’Europa, sul fronte dell’occupazione e del disagio sociale non abbia fatto abbastanza?

 

A dire il vero, per  anni ho fatto parte dell’alto Comitato europeo per l’esclusione sociale e per decenni la maggior parte dei Paesi europei ha rifiutato l’ipotesi che problemi di questo genere andassero affrontati in un quadro comunitario.

 

A questo punto, in ogni caso, come se ne esce?

 

Monti e il sottosegretario all’Economia Grilli chiederanno la Golden Rule, cioè la possibilità di togliere dal computo del deficit parte della spesa pubblica finalizzata agli investimenti. Ma l’Ue non gliela concederà. A quel punto non resterà loro che chiedere un allentamento dei vincoli imposti dal Fiscal compact con l’obiettivo di disporre di maggiori risorse finanziarie da utilizzare per l’inclusione sociale.

 

Perché, in ogni caso, la Golden Rule non sarà concessa?

 

Per l’impossibilità tecnica e politica di definire il concetto di “investimento”.  

 

Passera ha parlato della necessità di puntare sulle nostre eccellenze (moda,filiera agroalimentare, turismo, autonomazione) per rilanciare la crescita e,quindi, l’occupazione.

 

Negli anni ’80, l’export italiano rappresentava il 6% di quello mondiale. Oggi siamo a malapena al 3%. Puntare sull’eccellenza, quindi, vuol dire soltanto puntare sul mercato internazionale. Altrimenti, manterremo le posizioni ma non ne guadagneremo altre.  

 

(Paolo Nessi)

© Riproduzione Riservata.

COMMENTI
11/05/2012 - Un futuro Governo Passera? (Davide Bartesaghi)

Se ci sarà un futuro governo Passera, possiamo già chiamarlo il gabinetto mcKinsey. E saranno dolori...