BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

FINANZA/ Agli Europei l’Ucraina ha già perso (6 miliardi…)

Pubblicazione:martedì 29 maggio 2012 - Ultimo aggiornamento:martedì 29 maggio 2012, 12.45

Infophoto Infophoto

P.S. Nel weekend molti politici, tra cui anche il portavoce del governo francese, hanno lanciato strali contro Christine Lagarde, numero uno del Fmi, la quale si è permessa di dire che se i greci, tutti, cominciassero a pagare le tasse sarebbe già un bel passo avanti. Mancanza di rispetto? No, la verità. I greci, con un debito pubblico di 357 miliardi di euro, pari al 165% del Pil, devono allo Stato circa 37 miliardi di euro. Non sono stime sull’economia nera del Paese, ma dati certi e ufficiali sull’evasione fiscale diffusi dall’ex ministro delle Finanze, Evangelos Venizelos. Il fallimento greco ha infatti due facce: la prima quella di un sistema che vede l’80% delle spese statali destinate a salari e pensioni del settore pubblico; la seconda, meno nota ma altrettanto devastante dal punto di vista dell’equità sociale, un mancato gettito per evasione fiscale calcolata dal premier George Papandreou in 30 miliardi di euro l’anno, su un Pil di appena 280 miliardi.

La diagnosi del Brookings Institution è impietosa: c’è un’economia sommersa pari al 27% del Pil e una corruzione pari all’8%. Non solo. Secondo il Fmi «il 75% dei lavoratori autonomi greci dichiarava fino al 2010 meno di 12mila euro, limite sotto il quale scatta l’esenzione fiscale». Che colpa ha la Lagarde nell’averlo ricordato? Di più. A oggi, tra debito diretto, esposizione ai derivati e garanzie, il debito pubblico ellenico è di 1,3 triliardi di dollari, pari a una ratio debito/Pil del 421,67%! Alla faccia dello swap che doveva risolvere tutto! Di più: dopo le elezioni del 17 giugno, la Grecia dovrà tagliare altri 30 miliardi di dollari di spesa, fattispecie che causerà un calo delle entrate pari a 50 miliardi di euro e un declino del Pil a circa 160 miliardi di dollari. Sapete a quel punto dove andrà la ratio debito/Pil? A oltre il 500%!



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.