BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

EIRE/ Mazzocco (Assoimmobiliare): ecco la legge che trasforma il mattone in un bene per tutti

Pubblicazione:

Edizione 2011 di Eire  Edizione 2011 di Eire

Il Real Estate è l'infrastruttura di tutto il sistema socio-economico del Paese, in grado di rappresentare il 20% del Prodotto interno lordo. Un settore decisivo per la ripresa dell'Italia, come ha sottolineato il neopresidente di Confindustria, Giorgio Squinzi "Il rilancio dell'economia passa prioritariamente dal rilancio dell'edilizia e del mondo delle costruzioni e delle infrastrutture". “Credo che EIRE, Expo Italia Real Estate, che si svolgerà a Fieramilano dal 5 al 7 giugno - dice Antonio Intiglietta, Presidente di presidente di Ge.Fi Gestione Fiere SpA, società che ogni anno organizza Eire - sia la dimostrazione tangibile della professionalità e della dignità della classe dirigente del Real Estate italiano. Una certa stampa e soprattutto una certa opinione collega il termine immobiliare con qualcosa di negativo. Il Real Estate non è un’attività svolta per il profitto di pochi a danno della collettività, ma rappresenta l’infrastruttura di tutto il sistema economico e sociale di ogni Paese. EIRE, che è un’occasione di incontro tra la comunità economica e, prima ancora, tra persone, scardinerà e continuerà a scardinare i pregiudizi”. E così anche Aldo Mazzocco, presidente di Assoimmobiliare, alla vigilia di EIRE, preme su questo punto e indica alcune condizioni essenziali per riaccendere il motore.

Mazzocco, quali sono le aspettative in vista di EIRE 2012?

Noto con piacere che anche per questa edizione di EIRE la comunità del real estate italiano sente la manifestazione come l’avvenimento principale dell’anno per il settore e lo interpreta, più delle scorse edizioni, come vetrina internazionale per offrire piena visibilità al made in Italy immobiliare. Per tutti gli attori che si ritrovano in Fiera è il momento di una sana e organica riflessione sui temi principali del comparto con l’obiettivo comune di continuare nel processo di ricostruzione di un’immagine credibile del settore: processo che richiede un ruolo attivo nella proposizione di un dialogo con gli altri attori della comunità italiana. Purtroppo l’edizione 2012 cade in un difficile contesto macroeconomico globale, che ha subito un ulteriore deterioramento con l’acuirsi della crisi del debito sovrano e con lo stallo registrato dalla situazione in Grecia. Sono comunque fiducioso che gli investitori stranieri, dopo aver visitato l’EIRE e apprezzato le proposte dei player nazionali, possano riprendere a investire con continuità nel nostro Paese. In questi ultimi mesi, sono state realizzate importanti riforme strutturali in grado di far progressivamente mutare il sentiment degli investitori esteri conducendoli a effettuare investimenti sul medio-lungo termine e non in ottica opportunistica.

Qual è lo stato di salute del Real Estate italiano?


  PAG. SUCC. >