BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Economia e Finanza

GEOFINANZA/ L'Euro appeso alle "alchimie" dei prof

Foto: InfoPhotoFoto: InfoPhoto

Dato che i “project bonds” di cui si parla, visto il loro modesto impatto, servono principalmente a titolare i giornali da parte di chi poco mastica di economia, la toppa più promettente potrebbe essere quella di “socializzare” temporaneamente e parzialmente il debito pubblico tramite “eurobonds”. Sul tappeto ci sono tre proposte.

La più ambiziosa è stata predisposta dal Centro Studi di Bruxelles Bruegel. Il debito pubblico verrebbe diviso in due aree: titoli “blu” e titoli “rossi”. I titoli blu (al di sotto del 60% del Pil di ciascun Stato della zona euro) verrebbero gradualmente socializzati, mentre quelli rossi resterebbero responsabilità dei ministeri dell’E­conomia. In pratica, la fascia blu diventerebbe pari a 5.500 miliardi di euro; ciò creerebbe un vasto merca­to europeo di titoli di Stato affidabili. Potrebbe essere, però, un boomerang: i titoli rossi verrebbero con­siderati tossici e tali da infettare chi li detiene, mandando i tassi d’interesse di questi ultimi alle stelle.

Più moderato il programma delineato dal servizio studi della Rabobank olandese: un programma quadriennale per finanziare essenzialmente Italia e Spagna con titoli biennali garantiti dall’insieme dell’eurozona; è prudente, forse troppo, ma consente un alleggerimento della posizione degli istituti finanziari (degli Stati maggiormente interessati dando loro attivi sicuri e solidi) e se necessario può essere esteso a titoli quinquennali e decennali e avere una maggiore durata di applicazione.

Infine, il Comitato dei consiglieri economici del Governo tedesco utilizzerebbe gli eurobonds per sostituire i debiti che eccedono il 60% del Pil - un mercato di 2.300 milioni di euro - secondo uno schema venticinquennale. È uno schema realistico, ma che deve essere accompagnato da programmi puntuali (e monitorabili) per curare il “male oscuro” dei paesi in difficoltà: la produttività. Altrimenti gli “eurobonds” sarebbero una perdita di tempo che farebbe aggravare la crisi.

© Riproduzione Riservata.