BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Economia e Finanza

FINANZA/ 2. Dracma o marco: a chi tocca "far fuori" l’euro?

InfophotoInfophoto

Mentre le autorità europee si preparavano al vertice che nel weekend ha di fatto varato il salvataggio del sistema bancario spagnolo, infatti, una notizia passava sottotraccia e faceva riacutizzare i timori per un opt-out dall’eurozona. Con una nota diffusa attraverso Marketwire, la canadese Fortress Paper Ltd. rendeva noto che la sua sussidiaria svizzera, detenuta al 100% e numero uno per la fabbricazione e stampa di banconote e security paper, Landqart AG, «ha visto riattivato un ordine per banconote materiali che era stato inaspettatamente sospeso nel quarto trimestre del 2011 e che aveva impattato negativamente sui risultati finanziari del primo trimestre 2012». Insomma, dal Canada è giunto un siluro alla stabilità dell’euro sotto le mentite spoglie di un rituale comunicato alla stampa riguardo i risultati finanziari dell’azienda. Non a caso, il presidente e ceo del gruppo, Chadwick Wasilenkoff, ha tenuto a sottolineare in una nota congiunta che «il rientro in operatività di quest’ordine, in un primo tempo annullato, garantirà a Landqart momentum per realizzare nuovi ordini e massimizzare l’efficienza operativa».

In attesa che un Vix in salita a 80 certifichi l’impatto devastante di un’uscita della Grecia dal’eurozona, non resta che lasciarsi andare alle congetture: al netto del fatto che la richiesta avanzata alla Landqart non può che arrivare da un Paese dell’area euro che punti a reintrodurre una sua valuta sovrana, chi sarà l’indiziato? La Grecia o la Germania? Io dico il primo, visto anche il tasso di prelievi dalla banche elleniche, giunto a 500 milioni di euro al giorno! Oggi vanno in asta bonds a medio e lungo termine, vedremo cosa ci dirà il mercato: una cosa però è già certa, la Spagna è il passato. Nel mirino c’è l’Italia.

© Riproduzione Riservata.