BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

FINANZA/ 1. Monti e Berlusconi, un "patto" contro la Merkel

Mario Monti e Silvio Berlusconi (Infophoto) Mario Monti e Silvio Berlusconi (Infophoto)

6) Nel frattempo non va sottaciuto che il rimbalzo delle responsabilità e il circolo vizioso messo in evidenza da aste del debito pubblico dall’esito scontato e tarocco tende a scacciare la moneta buona per comportamenti cattivi. Le banche acquistano dosi massicce di debito sovrano nazionale e legano così la loro esistenza agli Stati. Questi ultimi, intanto, si legano sempre più alle banche. Un legame siamese che tende al fallimento di ogni riforma della finanza pur necessaria per uscire dalla crisi: invece di stabilizzare il sistema, i compromessi stanno aggravando la situazione a tutto danno dell’economia reale, cui vengono sottratte risorse.

Si finge che le banche siano più solide, ma nel frattempo gli istituti tendono a replicare l’andamento di Btp e Bonos con una volatilità crescente. La mancanza di accordi in sede comunitaria su un meccanismo comune di liquidazione delle banche a livello europeo (e armonizzazione delle principali procedure fallimentari) o della creazione di un fondo di liquidazione europeo oppure di un fondo europeo per garantire i depositi si traduce così nella sottrazione di risorse per chi lavora: chi paga il conto per il ping pong tra le autorità e l’aumento dei tassi del debito sovrano sono le 23 milioni di piccole e medie imprese europee.

Ci pensi signora Merkel. E capisca: nonostante la simpatia per Schweinsteiger e Muller stasera sarà bello tifare per la Grecia.

© Riproduzione Riservata.

COMMENTI
22/06/2012 - ERRARE UMANO EST, PERSEVERARE ..... (ANTONIO DE BONIS)

Penso che queste uscite dell'ex premier siano dettate più da un recupero dissennato di consensi elettorali che di da una vera logica politica. Non so chi siano i consiglieri di un simile proclama, ma, anche un bambino sa che se si vuole emergere dal gruppo, deve fare squadra, per dire squadra significa unirsi ed operare tutti insieme, così nel caso dei ragazzi l'unione fa la "gang" nel caso dei popoli europei che, con non poca fatica, cercano di unirsi per formare una sola ed unica nazione, l'EUROPA, Imparate dai giovani imparate e meditate.