BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

FINANZA/ Eurobond, l'uovo di Colombo per gli "affari" della Merkel

Pubblicazione:domenica 3 giugno 2012 - Ultimo aggiornamento:domenica 3 giugno 2012, 8.47

Infophoto Infophoto

Il cordone sanitario - L’attuale situazione di forte squilibrio ha portato a una generale erosione di consensi verso l’Europa e il caso della Grecia rappresenta un test significativo per capire quale sarà il futuro dell’Euro tra 5-10 anni. Ribadita la mia convinzione che la permanenza della Grecia nell’Euro è impossibile, perché né i greci, né gli europei sono disponibili a sostenere i costi di tale scelta, resta il problema di come organizzare quello che in linguaggio tecnico si chiama cordone sanitario. Occorre impedire che la fuori-uscita della Grecia inneschi un contagio che si potrebbe estendere al Portogallo, poi alla Spagna e ad altri paesi.

Le misure per l’attivazione del cordone sanitario sono già in atto, ma senza addentrarsi in questa problematica quello che è certo è che gli Eurobond potrebbero rappresentare una mossa importante per il successo di questa operazione. Essi risultano particolarmente utili e tempestivi nell’attuale situazione e prevedo che vedranno la luce per i seguenti motivi:

1) rappresentano uno strumento importante per arrestare il “contagio Grecia”;

2) pongono un argine allo sfruttamento che la Germania sta facendo della propria posizione competitiva a scapito degli altri Paesi europei;

3) terranno impegnata l’Europa per vari mesi in discussioni sulle loro modalità attuative. Per giungere alla loro emissione occorre infatti definire molti aspetti legati alle loro modalità di emissione, di garanzia, di rimborso, ai tipi di utilizzo e soprattutto alla loro quantità. Si tratta come si vede di problemi complessi e di non facile soluzione. Il dibattito relativo alla loro emissione servirà a dimostrare la centralità dell’Europa e delle sue politiche;

4) gli Eurobond daranno molto lavoro anche a politici, sindacalisti, giornalisti, opinon leader, economisti e a tante altre categorie che, in periodi di generale disoccupazione, saranno ben liete di trovare occasioni di lavoro. Alcune di queste categorie sono particolarmente creative nel trovare nuove fonti di occupazioni e non si faranno sfuggire questa occasione;

5) allontana una vera riforma della Bce. Dare alla Banca centrale europea la possibilità di diventare garante di ultima istanza, cioè poter emettere moneta in quantità illimitata, stroncherebbe ogni possibile speculazione contro l’Euro, ma vorrebbe dire adottare una misura di solidarietà radicale, associando inscindibilmente il destino dei paesi ricchi a quello dei paesi poveri. Gli Eurobond sono una misura intermedia che non scontenta, né accontenta nessuno in maniera radicale, ma finisce per dare a tutti un pezzo di ciò che cercano.


< PAG. PREC.   PAG. SUCC. >

COMMENTI
26/06/2012 - ok eurobond o project bond ma... (franco colacchi)

Spero che la Grecia ce la faccia a rimanere in Europa e mantenere il passo. Secondo me non è auspicabile lasciarla a sè stessa. Diverrebbe immediatamente una tana di eversione e terrorismo, che da lì si allargherebbe in Europa. Ben vengano gli eurobond o i project bond, a patto di rimanere uniti e aiutare i paesi in difficoltà, Italia compresa.