BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

FINANZA/ L'intervento di Giuseppe Guzzetti al Congresso dell'Acri

Pubblichiamo l’intervento di GIUSEPPE GUZZETTI con il quale è stato inaugurato ufficialmente il XXII Congresso Nazionale delle Fondazioni di Origine Bancaria e delle Casse di Risparmio Spa.

Giuseppe Guzzetti - Infophoto Giuseppe Guzzetti - Infophoto

Pubblichiamo di seguito l’intervento di Giuseppe Guzzetti, presidente dell’Acri, con il quale è stato inaugurato ufficialmente il XXII Congresso Nazionale delle Fondazioni di Origine Bancaria e delle Casse di Risparmio Spa.

 

Gentili Signore e Signori, Autorità, gentili Ospiti e Associati, il mio intervento introduttivo ai lavori di questa giornata, in qualità di Presidente dell’Acri, apre ufficialmente il XXII Congresso Nazionale delle Fondazioni di Origine Bancaria e delle Casse di Risparmio Spa.

Il Congresso è un appuntamento che ogni tre anni traccia bilanci e prospettive per l’attività delle nostre Associate. Quest’anno coincide con il centenario della nascita dell’Associazione: dunque il titolo dell’edizione 2012 si focalizza proprio sul ruolo che le Casse e, poi, insieme a loro, le Fondazioni hanno avuto in questi cent’anni di storia d’Italia, al cui sviluppo hanno entrambe contribuito sia sul fronte economico sia su quello culturale, civile e sociale.

Nella storia di un Paese cento anni sono molti e sono pochissimi allo stesso tempo: l’Italia è profondamente cambiata, così anche le Casse e le Fondazioni. Soggetti non profit, privati, motore di risorse e di progetti per il terzo settore, queste ultime, inventate dal Parlamento poco più di vent’anni fa. Società profit, commerciali private, particolarmente attente al territorio ma disciplinate dal Codice Civile e dalle norme in materia bancaria analogamente alle altre banche, le Casse Spa.

L’anniversario della nascita dell’Acri cade in una delle fasi più difficili della storia d’Italia dal dopoguerra a oggi, su cui si affaccia un futuro che nell’immediato presenta forti difficoltà per il Paese, dove cresce la domanda di welfare così come quella di salvaguardare e valorizzare il risparmio, soprattutto in termini di sviluppo per i territori.

Le Fondazioni e le Casse Spa hanno un ruolo importante per contribuire a dare risposte. E con loro l’Acri, che è stata, è e vuole continuare ad essere, essa stessa, promotrice di crescita e di innovazione: da un lato rimanendo “la casa” delle Casse di Risparmio, di cui ha accompagnato l’evoluzione da enti pubblici ad attivi soggetti di mercato; dall’altro coltivando l’identità di quei preziosi protagonisti della filantropia che sono le Fondazioni di origine bancaria.

Degli scenari che si aprono di fronte alle Fondazioni e alle banche, con noi, insieme a noi, ne parleranno oggi e domani autorevoli Relatori, che qui saluto e ringrazio profondamente tutti, a cominciare da quelli di questa mattina, in primis il collega, l’amico Presidente della Fondazione Sicilia, Giovanni Puglisi, che ci ha aiutato a organizzare questo Congresso. Un Congresso che, se non per altro, certamente sarà memorabile per la terra che ci ospita.