BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

DALLA GERMANIA/ Kolbe (Cdu): così la casta condanna l'Italia

Pubblicazione: - Ultimo aggiornamento:

Foto Infophoto  Foto Infophoto

In Germania avevamo una situazione storica speciale. Nel 1945 tutti i tedeschi erano responsabili per la Seconda Guerra Mondiale, ma i cittadini dell’Est hanno pagato molto di più di quelli dell’Ovest, in quanto l’occupazione sovietica è stata ben più pesante di quella americana. Dopo alcuni anni, grazie all’economia di mercato Bonn ha raggiunto un successo economico straordinario. Berlino Est al contrario è stata costretta a vivere sotto la dittatura comunista e questo ha impedito anche l’ascesa economica della parte orientale del Paese. Dopo la riunificazione, storicamente si doveva compensare una differenza che aveva pesato per 45 anni: l’Ovest aveva la responsabilità storica di aiutare l’Est.

 

In Europa non esiste forse una situazione analoga?

 

No, storicamente anche in Europa l’Ovest dovrebbe aiutare l’Est, ma in realtà l’Estonia e la Slovacchia pagano per la Grecia. Germania e Grecia dal 1945 a oggi fanno parte del mondo libero, hanno un’economia di mercato e avrebbero avuto quindi le stesse chance di sviluppo. Inoltre nel 1990 i tedeschi dell’Ovest erano 65 milioni e quelli dell’Est 16/17 milioni: l’80% dei tedeschi ha aiutato quindi il 20%. La parte forte era la stragrande maggioranza, al contrario di quanto avviene oggi in Europa dove esiste solo una minoranza di Stati in grado di aiutare una maggioranza in difficoltà. Ne sono rimasti solo tre con la tripla A: Germania, Olanda e Finlandia. Questi tre non sono in grado di garantire il debito del resto dell’Europa, e se continuiamo con i pacchetti di aiuto e salvataggio entro alcuni mesi anche la Germania perderà la tripla A e non sarà più in grado di garantire il debito degli altri Paesi. E a quel punto, non ci sarà più nessuno ad aiutare l’Europa.

 

(Pietro Vernizzi)



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.  


COMMENTI
17/07/2012 - L'inganno politico (claudia mazzola)

Mi torna in mente la creatività che c'era anni fa, quanto lavoro, una bellezza. Poi ad un certo punto è sparito tutto e tutti, me compresa, ci siam fatti mosci, i politici non san che fare neppure loro. Ci permettano di rimetterci in pista con noi stessi e con il mondo intero. Lo spirito vien lavorando.