BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Economia e Finanza

GEOFINANZA/ Il vocabolario della crisi infinita

FotoliaFotolia

P.S. Come purtroppo vi avevo ampiamente anticipato dopo il vertice del 28 e 29 giugno scorsi, a dispetto dell’euforia pavloviana delle Borse e dei titoli trionfalistici dei giornali, alla fine Monti ha ottenuto solo una vittoria di Pirro, visto che il coltello dalla parte del manico rimane alla Merkel. La quale, di fatto, domenica in un’intervista televisiva ha bocciato non solo lo scudo salva-spread, ma anche la ricapitalizzazione diretta della banche spagnole, imponendo che i soldi a esse destinate vengano trasferiti al governo e quindi calcolati come nuovo debito pubblico. Insomma, la Merkel vuole la fine dell’euro e la pelle di Italia e Spagna, non c’è infatti altra spiegazione per questo comportamento, a parte schizofrenia o follia totale.

«Niente solidarietà senza regole», ha tuonato la Cancelliera. Brava, santo Dio! Le regole e il loro rispetto, ecco cosa devono imparare italiani e spagnoli! Forse, però, frau Merkel farebbe bene a dare un’occhiata anche a casa sua, perché come vi ho anticipato martedì scorso Deutsche Bank è implicata fino al collo con lo scandalo del Libor. Di più, il primo istituto tedesco è pronto a collaborare con le autorità europee che stanno indagando sui casi di manipolazione del tasso interbancario Libor per limitare i danni alla sua reputazione e al suo bilancio. Stando a quanto riportato dal settimanale Der Spiegel, Deutsche Bank ha chiesto alla Commissione europea e alle autorità svizzere di riconoscerle lo stato di testimone che collabora nelle indagini sulla manipolazione del tasso. E sapete perché? Perché ottenere quello status significa ottenere l’immunità o una multa ridicola! «Al momento alla Deutsche Bank regna l’apprensione», ha detto una fonte vicina all’istituto finanziario. Ma come, ligi come sono alle regole, cosa dovrebbero temere i boriosi tedeschi dell’istituto che lo scorso anno ha scatenato la tempesta sui mercati annunciando ai quattro venti di aver scaricato 8 dei 9 miliardi di titoli pubblici italiani in portafoglio, acquistando contemporaneamente cds?

Signora Merkel, guardi in casa sua. E, già che c’è, stia zitta e si vergogni. Attenti, l’attacco speculativo di agosto non è affatto detto che parta da ambienti anglosassoni. Anzi.

© Riproduzione Riservata.

COMMENTI
19/07/2012 - La Merkel (J B)

...Ha ragione. Tra il ritorno alle monete pre-Euro ed un Euro socialista dove la Germania deve pagare il conto di tutti, bene, sinceramente preferisco la Lira. Se fosse per me, rimetterei in circolazione oro e argento, insomma il vecchio gold coin standard. E poi vediamo se uno preferisce farsi pagare con le Lire, i marchi, i franchi o l'oro. La moneta cattiva scaccia quella buona (ma solo in presenza di controllo dei prezzi). Il problema vero rimane uno ed uno solo: se esplode la UE, avremo ancora le 4 libertà principali che la UE ci ha dato (libertà di circolazione delle merci, dei servizi, delle persone e dei capitali) oppure rivivremo una nuova stagione di nazionalismi? Time will tell.