BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

FINANZA/ Italia fuori dall’euro, una "sorpresa" per Ferragosto?

Pubblicazione:giovedì 19 luglio 2012

Infophoto Infophoto

Cosa c’è dietro “un incontro improvviso e urgente” tra il Capo dello Stato e il Presidente del Consiglio che ha indotto il primo a cambiare la propria agenda anche lasciando un evento a cui teneva tanto? Non bisogna essere dei “dietrologi” per comprenderlo. Non c’è stato un peggioramento improvviso del quadro economico; al contrario, pur se lo spread resta alto le Borse hanno segnato una leggera ripresa. Però, la tenuta stessa dell’unione monetaria (raison d’être del Governo Monti) è stata messa in dubbio due volte nella stessa giornata - la mattina dalla Cancelliera Angela Merkel (“non sono sicura che il progetto euro funzionerà”) e il pomeriggio, a causa della differenza oraria, dal Fondo monetario internazionale in rapporto di routine in cui si parla di “dubbi sulla stessa sostenibilità dell'unione monetaria”.

C’è di più: Fmi, Banca mondiale, economisti e leader politici di molti Stati non credono che l’eurozona sarà la 110ma unione monetaria a dissolversi nell’ultimo secolo; stanno lavorando a un piano per farla restare in vita, cambiandola profondamente. In breve, facilitando un numero di Stati “che non ce la fanno” ad andare ad alloggiare in quello Sme 2 di cui già fanno parte Gran Bretagna, Danimarca, Svezia, Estonia e Lituania. Se all’Italia venisse chiesto di cambiare alloggio - dall’euro allo Sme 2 - non solo finirebbe la raison d’être del Governo Monti, ma, a torto o a ragione, la maggior parte degli italiani penserebbe di avere fatto, dallo scorso novembre, tanti sacrifici per trovarsi con un pugno di mosche in mano.

Andiamo con ordine, circa un anno fa, ha cominciato a delinearsi la strada verso su cui si stava dirigendo la Germania per allestire un “Piano B”, un’alternativa a massicci interventi pubblici per tenere in vita l’euro da parte dei paesi in grado di farlo e dei loro contribuenti. L’occasione era stata fornita da una serie di incontri avuti da uno dei più autorevoli economisti tedeschi (e più stretti consiglieri della Cancelleria), Hans-Werner Sinn, nel corso di un vero e proprio tour nelle maggiori capitali europee (con un seminario a porte chiuse in Banca d’Italia, cui hanno partecipato alcuni economisti italiani non nello staff dell’istituto).

Sinn presiede il CESifo, istituto di ricerca con sede centrale a Monaco ma da considerarsi tra i più autorevoli a livello internazionale, andava in effetti in avanscoperta: prospettava una soluzione per la Grecia - allora considerata il “grande malato” (Irlanda, Italia, Portogallo, Spagna parevano “in sicurezza”) - nella convinzione, rivelatasi corretta, che iniezioni di aiuti non avrebbero curato l’infermo. La soluzione era, essenzialmente, quella di trovare un “percorso ordinato” per evitare che Atene uscisse dall’Ue (o ne venisse cacciata) e far sì che per un periodo cambiasse alloggio: che da inquilino moroso dell’area dell’euro entrasse, con tutti gli onori, nello Sme 2 con tassi di cambio fluttuanti (con margini d’oscillazione differenziati) rispetto all’euro.


  PAG. SUCC. >