BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

ALLARME SPREAD/ 2. Un grande "abbaglio" ci avvicina alla Grecia

Pubblicazione:martedì 24 luglio 2012 - Ultimo aggiornamento:martedì 24 luglio 2012, 22.28

Infophoto Infophoto

Giusto un anno fa, nel luglio del 2011, veniva alla ribalta della cronaca una nuova parola, lo spread, di cui, a livello di opinione pubblica, nessuno aveva mai sentito parlare. Il differenziale tra Btp e Bund era salito improvvisamente da 180 a 250 punti. Lo spread non ha caratterizzato solo l'estate, è addirittura esploso nell'autunno dell'anno scorso, tanto che a novembre, quando toccò il punto massimo di 574 punti, il governo di Silvio Berlusconi venne “licenziato”, con un grande tripudio della sinistra, dei grandi quotidiani nazionali, di grandi network. Il tutto fu condito da caroselli di entusiasmo popolare in diverse città italiane, Roma soprattutto. Veniva insediato il professor Mario Monti che, a capo di un “governo dei tecnici”, avrebbe dovuto far scendere lo spread soprattutto per la sua “credibilità internazionale”, che per proprietà transitiva ridava “credibilità all'Italia”. A un anno di distanza e a nove mesi dalla nascita del “governo dei tecnici”, lo spread è a quasi 520 punti, con un crescendo impressionante da alcuni mesi, dopo essere sceso soprattutto in gennaio (raggiungendo poi i "minimi" a marzo) ed essere risalito su uno “zoccolo pesante” di 450 euro a maggio e giugno. Il professor Ugo Arrigo, docente di Finanza pubblica all'Università Bicocca di Milano, sostiene con molta lucidità il fallimento di questo governo e aggiunge: «Se Berlusconi fu licenziato per lo spread, che cosa si dovrebbe fare con Monti?».

 

Professore, quando arrivò il governo c'erano molte speranze e si sono fatti in questi mesi una serie di decreti che riguardano pensioni, mercato del lavoro, liberalizzazioni, semplificazioni, spending review.  

 

Allora, andiamo con calma. La riforma della pensioni è stata fatta bene nel suo complesso, tranne che non si è considerato chi era a metà del guado, in altri termini il problema degli “esodati”. Il resto sono una serie di “pallottole spuntate”. Prendo questa immagine dai film comico-demenziali di Leslie Nielsen. Visti i risultati e pensando ai commenti che alcuni facevano sui provvedimenti, mentre altri contestavano, si può dire che qui ci troviamo di fronte alle “pallottole spuntate” di Mario Monti contro lo spread.

 

Il più grave errore del governo?  

 

Far sopportare una simile pressione fiscale, una simile tassazione ai cittadini italiani, dai ceti più deboli fino ai ceti medi, togliendo ogni possibilità di consumo, di spesa, di crescita e portando il Paese in una grave recessione. L'operazione fatta da Monti è una ricetta sbagliata perché pensa che l'Italia coincida con il settore pubblico. A questo punto c'è stato una sorta di "orgasmo" per raggiungere il pareggio di bilancio del settore pubblico. Fatto che non ha per nulla inciso sul valore dello spread. E alla fine ci si trova con uno spread altissimo e un Paese in completa recessione, dopo che gli italiani sono stati tartassati in modo incredibile.

 

Ma gli altri provvedimenti presi?

 

Quali? Le liberalizzazioni? Le hanno scambiate con l'aumento numerico dei piccoli oligopolisti: più farmacie, più taxi, più notai. Liberalizzare, instaurare una vera concorrenza non significa aumentare il numero dei monopolisti. E' un'altra cosa. Ma lasciamo perdere questi concetti. La vera sostanza dei problemi è che Monti ha battuto soprattutto una strada vecchia, quella di garantire che lo Stato è sempre solvente, che non può fallire, perché ha la possibilità dell'imposizione fiscale. E non ha toccato nulla del patrimonio dello Stato e della spesa dello Stato. Altro che spending review.

 

C'è stata anche la riforma del mercato del lavoro.


Che, di fatto, ha irrigidito l'ingresso per i contratti atipici, partendo subito con un'aliquota molto alta. Non si poteva, almeno in quel caso, scaglionare l'aliquota nel tempo, mettendola all'ingresso su livelli bassi? No, si vede che il pareggio di bilancio è un fatto da cui non si può prescindere. Il risultato è che non solo siamo in recessione, ma è stata imballata l'economia italiana. In tutti i casi il mercato del lavoro si può riformare, renderlo più flessibile, più rigido rispetto ai molti contatti atipici che esistono. Ma il problema reale resta quello che non si può assumere nessuno se il livello di tassazione è insopportabile per gli imprenditori.

 

C'è una crisi internazionale che fa comunque da grande cornice a quello che sta succedendo in Italia.


  PAG. SUCC. >

COMMENTI
24/07/2012 - Oh Signore che il governo ci aiuti. (claudia mazzola)

Nella micro impresa di mio marito non c'è più niente da spremere e lo "spread" a noi piccini pare una mosca fastidiosa. Spesso vedo mio marito pensieroso con gli occhi bagnati, eppure ogni mattina si alza e corre pieno di speranza con la sua borsa in mano, almeno quella oscilla senza far danno!