BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

PARADISI FISCALI/ Rizzo (Csp): uno scippo ai popoli, che oggi va avanti anche in Europa

Pubblicazione:

Vaduz (Liechtenstein), noto paradiso fiscale - Infophoto  Vaduz (Liechtenstein), noto paradiso fiscale - Infophoto

PARADISI FISCALI, 21MILA MILIARDI DI DOLLARI "SOTTRATTI" IN 40 ANNI 21mila miliardi di dollari, pari a 15mila miliardi di euro o, se preferite, a 29milioni di miliardi di vecchie lire (29.044.050.000.000.000 per l’esattezza). Così, tanto per farsi un’idea dell’ordine di grandezza. Una montagna di soldi che, praticamente, è stata fatta sparire nel nulla. Si tratta del denaro occultato, tra il 1970 e il 2010, nei paradisi  fiscali di tutto il Pianeta, secondo i calcoli effettuati, per conto degli attivisti di Tax Justice Network, da James Henry, ex capo economista della società di consulenza McKinsey (probabilmente, la più importante al mondo). In pratica, è come se prendeste l’intero Pil italiano, lo moltiplicaste per 9, e lo faceste sparire sotto il tappeto. Un’operazione, in realtà, compiuta dagli esperti del settore, fior di professionisti pagati profumatamente per far transitare i capitali finanziari da un Paese all’altro attraverso complicati meccanismi finanziari. A volte, in maniera legale (o quasi) a volte no. Sta di fatto che si tratta di una colossale cifra di denaro che non produce niente e non è tassata. E che le stime sono al ribasso. L’elusione, infatti, potrebbe ammontare fino a 32mila miliardi. Marco Rizzo, segretario del Csp-Partito comunista, che anni addietro aveva definito i Paesi fiscali i veri “Stati canaglia”, ci spiega cosa pensa di questi numeri.

Ha visto? 21miliardi di dollari...

La cosa non mi stupisce affatto. Probabilmente, si tratta solo di parte del malloppo sottratto a tutti i popoli del mondo, a partire da quelli più poveri. Anche se, con la globalizzazione, ormai, il saccheggio riguarda anche l’Occidente. Noi italiani, la Grecia, la Spagna o il Portogallo.

Lei, anni fa, definì questi Paesi i veri Stati canaglia

E’ vero. Lo dissi in tempi non sospetti. Si trattò di una provocazione; volevo far comprendere che la parvenza formale di Stato al di fuori di ogni controllo internazionale è possibile unicamente perché è lo stesso sistema globalizzato a prevederne l’esistenza.

Adesso, però, anche per il resto del mondo sono un problema

Ce ne accorgiamo solamente adesso perché, in Italia, i cosiddetti margini del riformismo, iniziati nel dopoguerra, si sono esauriti. Ora, stiamo per diventare una colonia di un’Unione Europa in cui si sta ricreando un sorta di potere neo-carolingio, costituito dai grandi poteri finanziari di Paesi quali Germania, Olanda, Francia e Finlandia, che stanno depredando gli altri Paesi europei, in particolare, quelli del sud Europa.

Addirittura?



  PAG. SUCC. >


COMMENTI
24/07/2012 - PARADISI FISCALI (delfini paolo)

NON SONO COMUNISTA,MA RIZZO SU TANTE COSE HA RAGIONE, IL SISTEMA LIBERISTA E' ORMAI ALLA FRUTTA, I VARI MONTI, BERLUSCONI, BERSANI, MERKEL,OBAMA, CAMERON, ECC., SONO SOLO DEI FEDELI SERVI DI UN POTERE REALE SEMPRE PIU' CINICO E PERICOLOSO.