BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

SPENDING REVIEW/ Ecco perché i tagli del governo non bastano

Infophoto Infophoto

3 - Le metodologie di analisi delle politiche e della spesa pubblica hanno posto l’accento sin dagli anni Settanta su come coniugare efficienza (intensa nel senso di redditività) con efficacia (intensa nel senso di distribuzione del reddito e, in un secondo tempo, delle opportunità). In materia si sono sviluppati metodi, tecniche e procedure basate sulle “ponderazioni variabili” dei costi e dei benefici a seconda dei livelli di reddito o di consumo delle varie categorie di soggetti coinvolti nell’“intrapresa”. Nel Ventunesimo secolo, e in Paesi avanzati a economia di mercato, l’enfasi si deve spostare su come coniugare il breve e medio con il lungo termine. Dato che previsioni e scenari (specialmente se controfattuali) a lungo termine sono ardui da costruire con un grado realistico di accuratezza, non è il caso di spostare l’accento dall’analisi del rischio all’analisi dell’incertezza?

Si tratta d’interrogativi non solo tecnici, ma anche politici a cui la spending review avrebbe dovuto iniziare a dare una risposta sin dalla sua prima fase. Tale risposta avrebbe costituito quelle cornice alla singole misure che oggi pare mancare.

© Riproduzione Riservata.