BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Economia e Finanza

SPILLO/ Severgnini e i coccodrilli della City

La notizia dello scandalo sulla manipolazione del Libor ha ormai attraversato la Manica ed è arrivata anche in Italia. Ma c’è qualcosa su cui occorre riflettere, ricorda GIANNI CREDIT

InfophotoInfophoto

Lo spillone di oggi non è per Beppe Severgnini: non lo apprendiamo da lui oggi che il Financial Times usa sempre due pesi e due misure per giudicare l’eterna Santa City o i Pigs-a-prescindere; l’amministratore delegato di Barclays, Bob Diamond o il governatore della Banca d’Italia Antonio Fazio. Il primo, che ha manipolato il Libor (aumentando le rate dei mutui anche a milioni di italiani) se la sta cavando con una comparsata folkloristica davanti ai parlamentari inglesi, con qualche lacrimuccia coccodrillesca da parte della suddetta gazzetta della City; Fazio in Italia è già stato condannato per due volte in appello, di fatto per la feroce campagna denigratoria condotta dal Financial Times nel 2005. Un collaboratore di Financial Times ed Economist - come Severgnini si vanta di essere nell’articolo odierno sul Corriere - avrebbe potuto fare un po’ di (onesti) compiti a casa, invece di svicolare in un patetico gioco di parole su pedatore Diamanti. Lo spilllone, comunque, non è per lui e neppure per l’Autorevole-Quotidiano-Britannico: è per quelli che continuano a berselo e a ricitarlo avidamente ogni giorno senza rendersi conto che - come gli analisti di Standard and Poor’s - per raccontare il sistema finanziario italiano si affida intenzionalmente a osservatori come Severgnini. Il gioco dello spread, delle privatizzazioni in saldo, delle “Opa-madri” altrimenti come potrebbe andare avanti?

© Riproduzione Riservata.